Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Ottobre 2019

“Per aspera ad astra”

“Per aspera ad astra”

***

Anche de fronte a un fatto che sconvorge,

mannanno in fumo sogni co progetti,

che viè così, che manco te l’aspetti,

e che divampa e tutto te stravorge …

***

… in fonno ar còre, solo che permetti

de faje spazzio come che se sporge,

ciài dentro te la forza pe arisorge,

e tutti intorno stretti a te l’affetti.

***

Ché nun ce sta momento zozzo e nero,

che dura, pure che te sembra eterno,

senza passà pe aripartì da zero.

***

Nun pò piove pe sempre o èsse inverno,

quattro staggioni a l’anno e nun è vero

che tutto s’è abbruciato in de ‘st’inferno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Anche de fronte a un fatto che sconvorge,
    mannanno in fumo sogni co progetti,
    che viè così, che manco te l’aspetti,
    e che divampa e tutto te stravorge …

    Comment di Stefano — 16 Ottobre 2019 @ 05:21
  2. Direi che il miglior commento al sonetto lo hai scritto tu stesso con la frase del giorno, parole che mi sento di condividere e sottoscrivere in pieno!

    Comment di Silvio — 16 Ottobre 2019 @ 09:33
  3. Stefano,con questo sonetto ti sei superato! E’ magnifico! Superando le
    difficoltà possiamo toccare le stelle.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 16 Ottobre 2019 @ 12:58
  4. Grazie Letizia e Silvio. Grazie di cuore.

    Comment di Stefano — 17 Ottobre 2019 @ 05:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>