Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

18 Novembre 2019

Com’è triste Venezzia

Com’è triste Venezzia

***

Venezzia de ‘sti giorni è er lacrimone

che scegne giù da quele mascherine,

che vedi tutto l’anno a le vetrine,

e a Carnevale ar viso a le perzone.

***

Solo che nun ce sò le porporine,

né danze e balli manco d’occasione,

ma l’acqua arta a fà salì er magone,

e calle e piazze a sembrà piscine.

***

Er Mose messo lì giusto a difenne,

Venezzia e tutta quanta la laguna,

nun è servito artro che a fa spenne …

***

… a l’italiani tutti ‘na fortuna,

pe cercà mai er corpevole da offenne

ch’è guardà er dito, invece de la Luna.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Venezzia de ‘sti giorni è er lacrimone
    che scegne giù da quele mascherine,
    che vedi tutto l’anno a le vetrine,
    e a Carnevale ar viso a le perzone. …

    Comment di Stefano — 18 Novembre 2019 @ 05:32
  2. Le emergenze ci ricordano l’assoluta mancanza di programmazione e prevenzione a medio e lungo termine. Ogni azione politica è finalizzata solo all’ottenimento del consenso dell’oggi, mancano i veri statisti, quelli che agiscono guardando alla sopravvivenza delle future generazioni, a un futuro sostenibile. Mentre si discute su come e se contrastare gli effetti del cambio climatico il Titanic sta affondando!

    Comment di Silvio — 18 Novembre 2019 @ 10:24
  3. Mamma mia che tristezza! L’Italia va a fondo e i nostri cosiddetti “parlamentari” pensano solo a se stessi! Povera Venezia e poveri noi!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 18 Novembre 2019 @ 10:46
  4. “Venezia, l’ultima tua ora e’ venuta,
    illustre martire…….tu sei perduta!”

    Comment di romano cb — 18 Novembre 2019 @ 12:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>