Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Dicembre 2019

Er novo arbero de Piazza Venezzia

Er novo arbero de piazza Venezzia

***

Quest’anno, c’è da dillo, è propio bello,

è ricco, è arto, è pieno, è luminoso,

le palle a ‘mprezziosillo de sfarzoso,

Piazza Venezzia, er centro der suo ostello.

***

Un arbero davero maestoso,

che pare messo lì pe fà da ombrello,

acceso ariempie er còre e anch’er cervello,

de chi lo guarda è un sorzo de riposo.

***

Perciò de certo qui nun lo discuto,

è solo che ce penzo e un po’ m’abbacchio,

perché me torna in mente, pe un minuto, …

***

… er nonno suo, de quer verde pistacchio,

io c’ero affezzionato e dico, muto,

che m’era più simpatico SPELACCHIO !!!

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Quest’anno, c’è da dillo, è propio bello,
    è ricco, è arto, è pieno, è luminoso,
    le palle a ‘mprezziosillo de sfarzoso,
    Piazza Venezzia, er centro der suo ostello. …

    Comment di Stefano — 10 Dicembre 2019 @ 05:29
  2. Certo, l’albero luccicante e adorno di festoni è bello, ma non mi appartiene! Noi in Italia, abbiamo il Presepio, che è molto più simile alla Nascita di Gesù!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 10 Dicembre 2019 @ 11:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>