Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Marzo 2020

Viva la nostra Italia

Viva la nostra Italia

***

Perdoname Italia si, in passato,

m’è capitato de scajamme addosso

a te, e a vorte pure assai de grosso,

pe quarche tuo difetto dichiarato.

***

Oggi co l’artri a scavacce er fosso,

si sei italiano mó, sei l’appestato,

me stai a dimostrà che c’è ‘no Stato

dietr’a quer trio de verde, bianco e rosso.

***

Sto a riscoprì così quanto sei bella,

ar punto che me fai sentì orgojoso,

a l’inno de Mameli che affratella.

***

A tutti noi ciài fatto tu da balia,

pe ripagà ‘st’amore clamoroso,

nun molleremo mai …  VIVA L’ITALIA !!!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Perdoname Italia si, in passato,
    m’è capitato de scajamme addosso
    a te, e a vorte pure assai de grosso,
    pe quarche tuo difetto dichiarato. …

    Comment by Stefano — 14 Marzo 2020 @ 09:35
  2. W l’ITALIA il posto più bello e invidiato del mondo! Con tutti i pro e i contro sono orgogliosamente italiana!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 14 Marzo 2020 @ 09:43
  3. Bongiorno nell’epoca der COVID-19! Sarà veramente ‘n bongiorno? Ce dicheno desta’ tutti uniti ma distanziati e in tanti ce provamo. A quanto leggodapiù parti, nun è vero che stamo a combatte’ la stessa battaja; proppio dar nord, stanno a viaggià verso er sud a mijara co li tenni notturni. Chi li ferma’ Nisuno e pare che er governo, dopo er proclama-decreto, se strafotte, mentre dovrebbe ‘mpone lo stato marziale impieganno l’esercito su vasta scala.

    Comment by 'svardo — 14 Marzo 2020 @ 10:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>