Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Giugno 2020

Zangrillo parlante

Zangrillo parlante

***

Ce venghi a dì: “Clinicamente è morto”,

ma a me me pare tutto l’incontrario,

abbasta annà a vède er circonnario,

pe dì che nun è morto o è arisorto.

***

Ce l’ho qui co Zangrillo ch’è er primario

che dice: “Nun c’è più chi, a fiato corto,

viè in terapia intenziva, e qui s’è sciorto

tutt’er granne probbrema sanitario”.

***

Com’è però che in grossa parte ar monno,

er virus nun aresta l’avanzata,

anzi pare più forte ‘gni seconno?

***

C’è già chi parla de seconna ondata,

perciò caro Zangrillo nun nasconno

che penzo che stai a dì ‘na gran cazzata!

***

Stefano Agostino

__________________

***

  1. Ce venghi a dì: “Clinicamente è morto”,
    ma a me me pare tutto l’incontrario,
    abbasta annà a vède er circonnario,
    pe dì che nun è morto o è arisorto. …

    Comment by Stefano — 20 Giugno 2020 @ 05:50
  2. Sarà vero quello che dice Zangrillo sulla pandemia? C’è chi lo attacca e chi lo difende. Comunque è sempre meglio essere prudenti!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 20 Giugno 2020 @ 09:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>