Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

3 Agosto 2020

Scarpe d’oro

Scarpe d’oro

***

Te vanti pe ‘na scarpa in finto oro,

(quanno che te sognavi lo scudetto)

vinta grazzie a li tiri dar dischetto,

più de metà sò pure de straforo …

***

… e dici “re de roma” a chi rispetto

ar Capitano vero … er tuo l’ignoro,

de go’ in serie A … vero tesoro

n’ha fatti … e qui accetta ‘sto verdetto …

***

… no centodue, ma ducentocinquanta,

e tutti quanti co la stessa maja

perciò ‘sto tuo traguardo nun ce ‘ncanta.

***

Scusa si insisto poi …ma eri campione

pe riggiocà hai fatto ‘na battaja,

sei arivato quarto … da cojone!

***

Stefano Agostino

***

  1. Te vanti pe ‘na scarpa in finto oro,
    (quanno che te sognavi lo scudetto)
    vinta grazzie a li tiri dar dischetto,
    più de metà sò pure de straforo …

    Comment by Stefano — 3 Agosto 2020 @ 06:32
  2. Quelli dell’altra sponda sono insopportabili! Non fanno altro che dire di essere stati imbrogliati, perseguitati, maltrattati, angariati, vessati e chi più ne ha più ne metta! Meglio non averci a che fare con quei tifosi!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 3 Agosto 2020 @ 09:48
  3. Complimenti a Ciro Immobile per la splendida stagione personale, 36 reti sono tante, seppure con tanti rigori. Più che sminuire questo risultato individuale, sottolineerei piuttosto i numerosi favori arbitrali concessi alla sua squadra in questa stagione, aiuti che hanno determinato il quarto posto e l’accesso in Champions.

    Comment by Silvio — 3 Agosto 2020 @ 10:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>