Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

9 Settembre 2020

Più forte de prima

Più forte de prima

***

Un incubbo che a stento ce se crede,

invece s’è rimaterializzato,

un attimo e tutto è aritornato

indietro che nun riesci manco a chiede …

***

… com’è che un’artra vorta ‘sto crociato,

quanno che s’è piantato dritto er piede,

che hai sentito er ginocchio cede,

lassannote interdetto e senza fiato.

***

Ché certo nun è alegro ‘sto destino,

che t’aribbutta a tera propio adesso,

quanno che stavi a ripià er cammino.

***

Ma nun mollà così … che oggi stesso

ce sta chi te vò assiste da vicino,

pe ritornà più forte … de ‘gni gesso!

***

Stefano Agostino

***

  1. Un incubbo che a stento ce se crede,
    invece s’è rimaterializzato,
    un attimo e tutto è aritornato
    indietro che nun riesci manco a chiede …

    Comment by Stefano — 9 Settembre 2020 @ 03:39
  2. Il legamento crociato richiede una tempistica piuttosto lunga per la completa riabilitazione dopo l’intervento chirurgico. Sfortunato questo ragazzo, che a suo favore ha però la giovane età, il sostegno di tanta gente e un’ostinata forza di volontà che peraltro ha già dimostrato. Forza Nicolò che anche quest’incubo passerà presto!

    Comment by Silvio — 9 Settembre 2020 @ 09:44
  3. Daje Nicolò faje vedè chi sei, la sfortuna non può piegarti così! Ti aspettiamo e sappiamo che ritornerai più forte di prima!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 9 Settembre 2020 @ 10:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>