Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

5 Ottobre 2020

Scudetto a tavolino

Scudetto a tavolino

***

Je ce mancava a la collezzione

de furti in chiaro stile juventino,

de vince in de ‘sto modo a tavolino,

senza giocà, ma solo a fà l’azzione …

***

… de scegne in campo, pe segnà er destino,

de vince co l’impiccio d’occasione,

senza avverzario, fermo e a raggione,

p’er rischio de infettà e de fà un casino.

***

La ASL ar Napoli j’ha commannato

de nun annà a Torino ma la Lega

er tre a zero contro ha sentenziato.

***

Ner mentre che lo sport chiude bottega,

co un artro scudo gobbo rigalato,

er carcio è morto … embè … chissenefrega.

***

Stefano Agostino

***

  1. Je ce mancava a la collezzione
    de furti in chiaro stile juventino,
    de vince in de ‘sto modo a tavolino,
    senza giocà, ma solo a fà l’azzione …

    Comment by Stefano — 5 Ottobre 2020 @ 03:29
  2. Game over!
    Mi dispiace per le generazioni nuove, quelle dei nostri figli, che non hanno mai conosciuto il calcio come uno sport. Noi al contrario ci siamo divertiti, ce lo siamo goduto e abbiamo accompagnato i nostri anni più belli animati da uno spirito identitario, in un’epoca nella quale simboli e bandiere conservavano ancora uno straordinario fascino ideologico. Oggi è stato asfaltato tutto

    Comment by Silvio — 5 Ottobre 2020 @ 09:41
  3. Alla vergogna non c’è mai fine! Questa nuova ci mancava: il calcio non è più uno sport, ma uno SCHIFO!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 5 Ottobre 2020 @ 12:02
  4. Bella poesia,
    Bei commenti,
    …….come sempre!

    Comment by romano cb — 5 Ottobre 2020 @ 15:09

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>