Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

20 Aprile 2021

Superlega

Superlega

***

Li chiameno “li soci Fondatori”,

sò 12 li “club” che ce stanno,

dentr’a ‘sto gruppo che sa de rimanno

a carbonari e cospiratori.

***

Pe fà la Superlega da ‘st’artr’anno,

fregannosene de restà de fòri,

da coppe e campionati assai minori,

ma co ‘st’accordo ch’è un mezzo inganno.

***

Nun ce sò meriti, né promozzioni,

‘na sola vince e tutte l’artre appresso,

senza né premi, né retrocessioni.

***

Ariveranno a 20 ner consesso,

formato da ‘st’enormi magnaccioni,

ch’er vero sport l’hanno buttato ar cesso.

***

Stefano Agostino

***

  1. Li chiameno “li soci Fondatori”,
    sò 12 li “club” che ce stanno,
    dentr’a ‘sto gruppo che sa de rimanno
    a carbonari e cospiratori.

    Comment by Stefano — 20 Aprile 2021 @ 07:21
  2. I ladri più ladri vogliono giocare per conto loro? Prego si accomodino!
    Il Pensiero del Giorno dice la sacrosanta verità.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 20 Aprile 2021 @ 12:50
  3. Per la deriva che aveva preso il calcio mi stupisco dello stupore generale. Non è più sport ma business già da decenni! Era assolutamente prevedibile che i top club sempre più avidi potessero fare un colpo di Stato e portarsi via il pallone. Non hanno rispettato il fair play finanziario e si sono indebitati, così pensano di potersi mettere in proprio per non avere più vincoli né regole. Pensano di poter trattare il tifoso come un cliente che va al circo. Pensavo che queste cose succedessero solo in America dove tutto ha un prezzo e niente un valore!

    Comment by Silvio — 20 Aprile 2021 @ 17:48
  4. Il tutto e’ sempre piu’ triste…….ma e’ la verità’!

    Comment by romano cb — 20 Aprile 2021 @ 22:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>