Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

22 Giugno 2021

Villa Pamphilj

Villa Pamphilj

***

Si nun l’hai fatto ancora fino a ieri,

’na vorta vacce ar tempo de l’aurora,

ch’er sole piano piano la colora,

de verdi vivi, forti, pieni e veri.

***

Sta lì pe te, vestita da signora,

solo che passi in mezzo a li sentieri,

dimentichi le noie e li penzieri,

cor vento ch’accarezza quer che sfiora.

***

Ner saliescenni pòi ’ncrocià er laghetto,

abbraccicato a l’arberi d’attorno,

piantati lì che pareno un quadretto.

***

Si arzi l’occhi ar celo c’è er ritorno,

de passeri che canteno in farzetto,

Villa Pamphilj è tua dopo quer giorno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Si nun l’hai fatto ancora fino a ieri,
    ’na vorta vacce ar tempo de l’aurora,
    ch’er sole piano piano la colora,
    de verdi vivi, forti, pieni e veri. …

    Comment by Stefano — 22 Giugno 2021 @ 02:58
  2. Conosco ogni singolo sasso di questa splendida villa monumentale: non ha prezzo correre o passeggiare tra fontane, statue, dimore e chiese rinascimentali appartenute alla nobile famiglia Doria Panphili!

    Comment by Silvio — 22 Giugno 2021 @ 09:45
  3. Anche oggi un dipinto dal vero delle bellezze di Roma! E Villa Panphili è bellissima!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 22 Giugno 2021 @ 10:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>