Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

13 Agosto 2021

Li volontari

Li volontari

***

Degne d’onore sò tutte le ’mprese,

ch’esisteno, ma no p’abbuscà l’oro,

er merito che je vale l’alloro,

è propio nun lucrà pe fine mese.

***

Malati, anziani e chi cerca lavoro,

orfani, pupi o donne indifese,

mossi ner dentro da fiammelle accese,

li volontari campeno pe loro.

***

Pe ’ste perzone nun esiste un “grazzie”

ch’aricompenzi tutto quer che fanno,

ne l’aiutà chi vive tra disgrazzie.

***

Se sanno ripagà de quer che dànno,

cor fatto d’azzittì, facenno sazzie,

le voci ’nterne d’angeli che ciànno.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Degne d’onore sò tutte le ’mprese,
    ch’esisteno, ma no p’abbuscà l’oro,
    er merito che je vale l’alloro,
    è propio nun lucrà pe fine mese. …

    Comment by Stefano — 13 Agosto 2021 @ 05:50
  2. I “Volontari” sono Angeli con abiti umani e ringraziarli per quello che fanno è il minimo che si può fare!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 13 Agosto 2021 @ 11:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>