Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Settembre 2021

Me s’è rotto er minolo

Me s’è rotto er minolo

***

Der piede er mignoletto detto minolo,

io ieri l’ho intruppato su ‘no spigolo,

me s’è piegato giusto tipo svicolo,

le stelle ch’ho veduto come in circolo.

***

‘No strillo sordo guasi fusse cigolo,

ho emesso sur momento poco frivolo,

er ghiaccio ciò passato come intingolo,

servito a poco pe placà quer singolo …

***

… ditino rotto come da patibbolo,

ch’e diventato viola e batte a cingolo,

sto fìo de madri degne de postribbolo.

***

Sò tutte assonanze senza vincolo,

pe riccontà ‘sto fatto un po’ ridicolo,

e ‘sto dolore che me dole ar mignolo.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Der piede er mignoletto detto minolo,
    io ieri l’ho intruppato su ‘no spigolo,
    me s’è piegato giusto tipo svicolo,
    le stelle ch’ho veduto come in circolo. …

    Comment by Stefano — 4 Settembre 2021 @ 06:57
  2. D’estate con i sandali è molto facile (purtroppo) sbattere con il mignolo su uno spigolo! E’ un dolore atroce!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 4 Settembre 2021 @ 11:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>