Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

28 Settembre 2021

Er caffè de Sant’Eustacchio

Er caffè de Sant’Eustacchio

***

Che bono ch’è er caffè de Sant’Eustacchio!

Miscela de un artista a fà tazzina,

ch’è da gustà nun solo la matina,

quanno che dentro ar còre fa sbatacchio.

***

Ma nun lo straformà in medicina,

mettennoce der latte: è tutto un cacchio.

E si er barista chiede: “Je lo macchio?”

risponni si vò in faccia ’na cinquina!

***

Sgoccettatelo càllo, lentamente,

mentre ’mprofuma er naso co l’aroma

che più lo bevi, più se fa presente.

***

Quer sorzo de miscela cià er diproma,

ch’è stato conzegnato da la gente,

der più mejo caffè che ce sta a Roma.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Che bono ch’è er caffè de Sant’Eustacchio!
    Miscela de un artista a fà tazzina,
    ch’è da gustà nun solo la matina,
    quanno che dentro ar còre fa sbatacchio. …

    Comment by Stefano — 28 Settembre 2021 @ 07:11
  2. Il caffè quando è veramente buono va bevuto solo, liscio, senza essere inquinato da latte, zucchero o altro dolcificante

    Comment by Silvio — 28 Settembre 2021 @ 08:43
  3. Appendice al Pensiero del Giorno: come diceva il grande Alberto “Io so io e tu non vali un c…o”! Sempre FORZA ROMA!

    Comment by letizia — 28 Settembre 2021 @ 13:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>