Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Febbraio 2022

Angeli der Signore

Angeli der Signore

***

A tutti c’è sembrato d’arivive

quela traggedia, er piccolo Arfredino,

finito indentr’ar pozzo a Vermicino,

stesse le scene e le diapositive.

***

Accomunati da triste destino,

la storia se ripete in artre rive

e anche in de ‘sto caso tocca scrive,

de un pupo che va in Celo da bambino.

***

Penzatte là giù in fonno pe ‘na notte,

che t’è durata quattro lunghi giorni,

la tera assassina che te ‘nghiotte …

***

… è de ‘no strazzio che lacera er còre,

la storia d’Arfredino pe contorni,

du’ angioletti mó in braccio ar Signore.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. A tutti c’è sembrato d’arivive
    quela traggedia, er piccolo Arfredino,
    finito indentr’ar pozzo a Vermicino,
    stesse le scene e le diapositive. …

    Comment by Stefano — 6 Febbraio 2022 @ 16:45
  2. Per Alfredino mi ricordo di essere rimasta tutta la notte incollata alla TV sperando e pregando in un miracolo: Ma forse il miracolo si è concretizzato per il piccolo Angelo, quando è volato in braccio al Signore senza più sofferenze!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 7 Febbraio 2022 @ 12:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>