Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

17 Maggio 2022

Scerte

Scerte

***

La vita è er risurtato de le scerte,

a cui semo ’gni giorno messi avanti,

da quelle serie a le inzignificanti,

tra chiude porte e lassalle aperte.

***

A vorte co l’appoggio de li santi,

a vorte già praticamente certe,

co scerte sempricissime o sofferte,

ché ponno rigalà sorisi o pianti.

***

Ma quer che conta è ’mboccà un cammino,

quale che sia, pure che va in salita,

a costo de sbajà e de fà un casino.

***

Ché nun sceje l’entrata co l’uscita,

pe la paura de toppà er destino,

è rinuncià a vive poi la vita.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. La vita è er risurtato de le scerte,
    a cui semo ’gni giorno messi avanti,
    da quelle serie a le inzignificanti,
    tra chiude porte e lassalle aperte. …

    Comment by Stefano — 16 Maggio 2022 @ 17:03
  2. Ogni giorno c’è un bivio da imboccare, bisogna sccegliere quello giusto, che non sempre riusciamo a prenderlo! Dipende da quanto siamo fortunati! e, comunque, ci dobbiamo sempre affidare al Signore!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 17 Maggio 2022 @ 11:21
  3. Può andare bene o male nell’operare una scelta.
    Si fallisce tuttavia con certezza assoluta in due casi: scegliere di non decidere e scegliere con la testa di qualcun altro!

    Comment by Silvio — 17 Maggio 2022 @ 17:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>