Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Tempi d'oggi

14 Giugno 2022

Nun sei ‘na madre, ma er suo “anagramma”

Nun sei ‘na madre, ma er suo “anagramma”

***

Pe te nun ciò sortanto der disprezzo,

ch’è pari a l’odio e più schifo totale,

nun t’auguro nemmeno er peggio male,

ché già ce l’hai addosso come un prezzo.

***

Ché qui qualificatte a poco vale,

anche l’inzurto più appropiato è un mezzo

che nun corpisce ar centro manco un pezzo,

de quanto te ripudio come tale.

***

Nun vojo da sperà ne la vendetta

o chissà quale urtimo giudizzio,

che ar Giudice de l’Univerzo spetta.

***

Vojo penzà, e guasi me ce sfizzio,

a quant’è bella Elena pupetta,

in braccio a Dio … a vive un novo inizzio.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Pe te nun ciò sortanto der disprezzo,
    che pari a l’odio e più schifo totale,
    nun t’auguro nemmeno er peggio male,
    ché già ce l’hai addosso come un prezzo. …

    Comment by Stefano — 14 Giugno 2022 @ 16:35
  2. Ora questa bimba è in un luogo senza più dolore, sofferenza né ingiustizie!

    Comment by Silvio — 15 Giugno 2022 @ 09:51
  3. Dal 2002 480 bambini uccisi in Italia per mano dei genitori: sei figlicidi su dieci sono commessi dalla madre, mentre i figli maschi sono le vittime prevalenti sia delle mamme che dei padri assassini. E’ una cosa assurda e spaventosa! Io penso che satana si è impadronito del mondo! Che Dio ci salvi.

    Comment by letizia — 15 Giugno 2022 @ 11:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>