Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Luglio 2022

Sonnetti

Sonnetti

***

Me piace quanno è sera prenne un fojo

e mette assieme un paro de verzetti,

gnente de che, abbozzi de sonetti,

ma scritti in libbertà e senza imbrojo.

***

Nun è che l’artri nun ciànno ’st’aspetti,

ma a vorte dànno pena e quarche scojo,

invece questi, lisci come l’ojo,

sorteno senza affanni e più diretti.

***

Sarà ch’er tempo, ar fonno de la sera,

concija intimità prima der sonno,

pe fà riassunto a ’na giornata intera.

***

Sarà che pe specchiasse in der profonno,

quanno ch’er buio avanza e er celo annera,

abbasta dà la bonanotte ar monno.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Me piace quanno è sera prenne un fojo
    e mette assieme un paro de verzetti,
    gnente de che, abbozzi de sonetti,
    ma scritti in libbertà e senza imbrojo. …

    Comment by Stefano — 28 Luglio 2022 @ 02:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>