Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Canzoni e Personaggi

10 Luglio 2010

Er fattaccio der Vicolo der Moro

  1. Bongiorno speranno ner nostro venticello. Certo che er Giggi è ‘n mostro de mimica e de recitazzione. Sempre, legenno ‘sto brano, me so’ commosso ma, recitato così vivo, addiventa ‘na cascata der Niagara de lagrime. Dice che a commovese fa bene ar core, si è vero: grazie Ste’ pe’ la cura.

    Comment by RomamoR — 10 Luglio 2010 @ 09:01
  2. É veramente una dimostrazione di una grande e vera romanità perduta!!!! Mi piacerebbe conoscere l’anno in cui Americo giuliani lo ho scritto!… Grazie

    Comment by Franco de I Menestrelli de Roma — 3 Luglio 2012 @ 16:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>