Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Settembre 2010

La vita nun è un gobbo

pe fa un soentto

La vita nun è un gobbo

***

La vita nun è annà appresso ar gobbo,

che detta tempi e scrive parti e testi,

da arispettà pure che nun voresti,

come che si è Natale fai l’addobbo.

 ***

Ce sò momenti e fiati e sensi e gesti,

(l’orecchio sturete, tiranno er lobbo),

pòi starne certo, amico, nun ce giobbo,

che nessun “rullo” sa che tu vivresti.

 ***

Sò propio l’attimi che fanno vivi,

queli che nun pòi stabbilì a priori,

come l’orari der “Partenze e Arivi”.

 ***

Perciò accanna li suggeritori,

essi te stesso, ogni giorno, e scrivi

la vita tua ch’è tua finchè nun mòri!

***

Stefano Agostino

______________________________

 

  1. Bellissimo sonetto Stefano. La vita ti avvolge e ti travolge, e per quanto tu ci provi, nn puoi organizzarla, nn puoi controllarla, nn puoi pianificarla. Dobbiamo viverla nel migliore dei modi e cogliere tutto quello che ci dona nel bene e nel male.

    Comment di Federica_Perla — 21 Settembre 2010 @ 10:36
  2. Buongiorno a tutti. Quanto è vero Stefano. Pensa sbagliato se vuoi, ma sempre con la tua testa !

    Comment di roberto genesis — 21 Settembre 2010 @ 10:50
  3. Spesso, gli imprevisti riservano le migliori sorprese!

    Comment di Principessa — 21 Settembre 2010 @ 13:13
  4. E’ proprio vero Stefano, quando non te l’aspetti più, succede…..

    Comment di letizia — 21 Settembre 2010 @ 20:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>