Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Settembre 2010

Er destino

mattino

Er destino

***

Nun sempre pò annà tutto come speri,

seconno er piano, come programmato,

pe quanto te ce pòi èsse sforzato,

li sogni quant’è tosta a falli veri.

***

Ma l’importante è che tu ciai provato,

a tramutà in reartà idee e penzieri,

che nun hai perzo tempo fino a ieri,

facenno sì che l’oggi è già passato.

***

E nun t’abbatte poi si un sogno cade,

vòr dì che quello nun era er cammino,

che già t’aspetteno cento artre strade.

***

Riarzete cor sole der matino,

e prenni bono quello che t’accade,

da oggi stesso cambierai er destino. 

 ***

Stefano Agostino

______________________________

 

  1. Ultimamente mi capita spesso che le cose non vadano come IO vorrei 😀

    Comment di Principessa — 27 Settembre 2010 @ 09:20
  2. ‘ngiorno Ste’, ‘sto sonetto me f’ariveni’ ‘n mente la canzone “Addio sogni de gloria”. Dice: “è nato co’ la camicia”; pe di’ ch’è uno fortunato. Insomma pare che ce se nasce co’ er destino segnato. Se dice puro che er destino ce l’avemo da forma’ da noi co’ la volontà de riusci’ a costruisse quarcosa. Ecco, ma si je manca la volontà? Forse è er destino che l’ha fatto nasce senza forza de volontà. C’è quello ‘n barca a la deriva; capita ‘n vento o ‘na corente favorevole e lo porta a riva, ner mentre a n’antro, magara ‘n po’ distante, er vento nu’ jariva, seguita a anna’ a la deriva, e se sperde. Destino? Boh!

    Comment di ''svardo — 27 Settembre 2010 @ 12:09

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>