Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Canzoni e Personaggi

20 Marzo 2011

Ninna nanna nanna ninna

  1. Sarve. Si, è propio così. C’è sempre ‘n capoccia che se sveja ar matino e decide de manna’ er popolo cretino a scannasse cronto ‘n’antro popolo cretino aizzato da n’antro capoccia. Perché poi? Certe vòrte nun ce lo sanno manco loro. Le scuse so’ ‘nfinite: Patria, razza, libertà, democrazia; ma a la fine ….. ‘n corpo che li pija. Cmq, bella la selezione de battute. Grazie Ste’, doppo ‘na riflessione, m’hai fatto fa, de prima matina, quarche risata.

    Comment by ''svardo — 9 Ottobre 2010 @ 08:45
  2. ‘Svardo, ho pubblicato di nuovo questa canzone di Baglioni sul testo della poesia di Trilussa che avevo già pubblicato ad ottobre del 2010. Da qui, ecco il motivo della presenza del tuo post di allora.

    Comment by Stefano — 20 Marzo 2011 @ 08:42
  3. Bella canzone e sempre attuale… ma non cambierà il mondo perché l’esercito dei cojoni è immenso…ed i potenti lo sanno!

    Comment by Salvatore Armando Santoro — 17 Novembre 2014 @ 20:09

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>