Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Ottobre 2010

Du gocce d’acqua

du gocce

Du gocce d’acqua

***

Nun serve un acquazzone o un temporale,

a Roma abbasta solo quarche goccia,

de quele che nun bagni la capoccia,

pe sbrandecà tutt’er manto stradale.

 ***

Vabbè se dice che scava la roccia,

ma nun è mica poi tanto normale,

si un par de gocce d’acqua, scese male,

distruggheno l’asfarto che se scoccia.

 ***

Pare Baghdad dop’er bombardamento,

o da vedè la Luna da vicino,

‘ndo ‘gni du metri c’è un avvallamento.

 ***

Ne sa quarcosa chi cor motorino,

si nun ce presta l’occhio e nun sta attento,

rischia de finì in buca cor boccino.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Sarve popolo ottobrino, speramio d’aripia’ er cammino, perché, se la Roma città tie’ le strade ar gruviera, la Roma squadra nun gode ‘a primavera. Insomma, tra ‘mpicci e ‘mbroji, me vie’ da di’ a ‘sto monno ‘nfingardo: Porca pupazza, piove, governo ladro

    Comment di ''svardo — 11 Ottobre 2010 @ 11:52
  2. ancora oggi oltre alla pioggia che è colpa de rossela ,no se parla de altro che de azzionariato popolare aòòò se parlava già ai tempi del romanista(pè me defunto),allorchè lor sig piace come in brazil il carnevale tutto l’anno,se no nun se spiega i dolci de carnevale quotidiani……………………………..ce si campa solo con quelli …………………….
    SEMPRE FORZA ROMA

    Comment di PEDRO — 11 Ottobre 2010 @ 17:39
  3. Buonasera a Tutti! A Ste, te lo dico non per dovere d’ospitalità, ma perchè, te giuro, lo penso veramente… Sei troppo forte, davero… ne ho rilette un paio co mi moje, cercando de centrà il tono e il romanesco… beh, da rimanè de stucco… musicali e ritmate strofe… Ste sei un vero Artista!

    Comment di Luis — 11 Ottobre 2010 @ 19:53
  4. … Circa le buche, bisognerebbe prende provvedimenti e seri con le ditte… quanno vedo come lavorano, talvolta, penso… mo ce li Manno… ma poi penso che non spetta a me Mannacceli… è per questo che ciavemo il sindaco che se chiama Alè, Manno, no?

    Comment di Luis — 11 Ottobre 2010 @ 19:59
  5. Stefano, come al solito, bellissimo sonetto: musicale, sembra di sentire il ticchettio della pioggia. Ormai non ho più parole per dirti che è sempre un piacere leggerti. Un abbraccio. Ciao a domani.

    Comment di letizia — 11 Ottobre 2010 @ 20:30
  6. Luis dovresti farti amico de stefano su facebook,li ultimamente Stefano sforna frasi gagliarde quotidiane,tipo questa è UN GRANDE
    ”Stefano Agostino Totti golden foot, Zarate vatte a fà foot!
    SEMPRE FORZA STEFANO

    Comment di PEDRO — 12 Ottobre 2010 @ 00:28
  7. Letizia, Luis, Pedro: grazie di cuore. Vi voglio bene.

    Comment di Stefano — 12 Ottobre 2010 @ 07:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>