Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

6 Gennaio 2011

Piazza Navona e la Befana

piazza navona

Piazza Navona e la Befana

***

La più famosa pe le bancarelle,

pe mimi, maghi, artisti e sartimbanco,

chi cerca la fortuna co ‘no sbanco,

e chi se pò magnà quele ciambelle.

***

Su le panchine c’è er turista stanco,

a forza d’ammirà ste cose belle,

Fontana de li Fiumi tra sorelle,

e Sant’Agnese che je presta er fianco.

***

Tra dòrci, zuccherini e marionette,

co li bambini tutti ‘n fila indiana,

capanne de presepi e statuette.

***

Piazza Navona se fa più romana,

quanno s’ariempie de scope e carzette,

pe dije ar mònno: è nostra la Befana!

***

Stefano Agostino

______________________________

***

Lettera alla Befana di Lando Fiorini

  1. Io preferisco guardare i quadri…e le caricature!!!

    Comment di Principessa — 6 Gennaio 2011 @ 08:02
  2. Bella Ste’, piazza Navona e la Befana. Chi è che nun c’è ito regazzino? Da opadre co’ li fiji? Vorebbe puro di’: da nonno co’ li nipotini; ma tòcca cammina e si sei un nonno più che anziano …. nun se pò. M’ariccomanno, amici der blogghe, nun fate manca’ ‘sta soddisfazzione a li vostri fiji o nipotini. Piazza Navona è ‘na festa ‘n mezzo a quer bailamme.
    Commovente puro la Lettera der Lando.
    Ecco ando’ avete da anna’ pe ‘na cena: ar Puffe.

    Comment di 'svardo — 6 Gennaio 2011 @ 10:59
  3. Caro RomamoR, come “nipotina virtuale” potresti accompagnare me a piazza Navona l’anno prossimo; se vuoi, ti presto il mio bastoncino da trekking! Baci.

    Comment di Principessa — 6 Gennaio 2011 @ 19:56

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>