Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 Gennaio 2011

Che voja de scappà

che voja de scappà

Che voja de scappà

***

Che voja de scappà e staccà la spina,

de famme un lungo viaggio ‘ntorno ar monno,

de nun stà a perde manco più un seconno,

m’abbasta ‘na valiggia e ‘na cartina.

 ***

E me la vojo gode fino in fonno,

senza orologgi e sveja màtutina,

annanno ovunque e avè pe medicina

magnà e dormì quanno ciò fame e sonno.

*** 

Da du minuti sò salito a bordo

da l’arto vedo er GRA e sento un aroma,

ch’è un non-so-che tra nostargia e ricordo.

 ***

Ma chi me lo fa fà de pijà sta soma,

senza aspettà de sorvolà er Raccordo,

me pijo er paracadute e torno a Roma.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. ahahahhahaha bella Stè e fattelo sto viaggetto sul GRA

    Comment by Laura — 17 Gennaio 2011 @ 08:51
  2. Eh amico mio, stà città è un delirio permanente ma nel momento in cui ce ne allontaniamo è quando più ci accorgiamo quanto ci manca…

    Comment by Silvio — 17 Gennaio 2011 @ 09:06
  3. guarda casa mia è ha disposizione, 15 giorni in magna grecia e torni a roma rigenerato….stefano non ti fare problemi

    Comment by giuseppe di paola — 17 Gennaio 2011 @ 09:07
  4. Anche allontanarsi da Roma per viaggiare è stressante…. specialmente in aereo!

    Comment by Principessa — 17 Gennaio 2011 @ 09:32
  5. Roma è Roma nn si discute…ma una piccola fuga per recuperare nn è poi tanto male come idea…tanto poi si torna 🙂

    Comment by Federica_Perla — 17 Gennaio 2011 @ 09:36
  6. Come cice “Perla”: Roma è Roma ‘un se discute”, epperò , stacca”a spina, quarche vòrta, fa bene. Quann’aritorni te pare d’ascopri’ ‘na città nova. Specie si ner frattempo t’hanno rifatto ‘na strada levanno le buche oppure er servizzio AMA ha levato la monnezza pe le strade e l’ATAC te fa tròva er busse puntuale a la fermata. ‘mbeh, de securo nun te c’aritrovi e t’hai da ariambienta’. Aoh, che m’è successo? So’ partito? Si, in sogno.

    Comment by RomamoR — 17 Gennaio 2011 @ 10:05
  7. M’hai fatto venì in mente questa:

    La Roma che conosco la
    porto sempre dentro
    nei giorni di burrasca e in quelli senza vento
    Tra vicoli, palazzi, bar, trattorie
    so centomila strade… e so tutte mie
    E sono tutte mie le facce della gente
    le donne sul balcone, il ricco, il mendicante, posteggiatori, tassinari, barbieri e benzinai
    la Roma che conosco non la conosci mai
    La Roma che conosco c’ha sempre er sole addosso
    e quanno esco ride, e me lo presta spesso.
    E pure quanno piove sembra che non disturba
    te fracica, te frega… E’ come una donna furba
    la Roma se vedemo, dimo, annamo, famo,
    non ti devi da preoccupare che tanto te richiamo
    la Roma… N’dov’è che devono andare tutti quanti?
    Moto, motorini, vespette… ottovolanti.
    La Roma che conosco, du’ ore pe fa un metro
    però mentre te blocca te fa vedè San Pietro
    La Roma che conosco è tavoli in eccesso
    e tutti addosso a tutti ma stamo bene lo stesso
    basta che quel piatto rimanga sempre quello
    guanciale, pecorino… e un pò di quel vinello
    Che ce fa uscì contenti tra vicoli incantati
    a ride con gli amici oppure innamorati
    La Roma che conosco te insegna a fa l’amore
    e a ogni bacio aggiunge un pò, un pò del suo sapore.
    Così la porti dentro dovunque te ne vai
    La Roma che conosco… non la conosci MAI!!

    Comment by Massimiliano "Bariggio" — 17 Gennaio 2011 @ 14:32
  8. Bella puro questa “Bari'” Si, me la ricordo, ‘a conoscevo così.

    Comment by 'svardo — 17 Gennaio 2011 @ 17:27
  9. GRAAAAAAAA…NDE STEFANO! Il GRA non è il raccordo, è il cordone ombelicale di chi masce o vive a ROMA! Le uscite numerate sò le porte de casa! Annà fori porta vordì proprio questo! Quann’ero regazzino capitava che papà nostro piava l’autostrada dopo ‘du palle’ nelle gite fori porta! Quanno piava quei tornanti e se leggeva ‘Monteporzio Catone’ tutt’in discesa come a n’ottovolante, sotto appariva quella distesa grandiosa e talvolta il Tevere all’orizzonte che alluccicava: CASA!

    Comment by Luis — 17 Gennaio 2011 @ 22:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>