Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

29 Gennaio 2011

Trilussa – La politica

trilussa - la politica

La politica

***

Ner modo de penzà c’è un gran divario:

mi’ padre è democratico cristiano

e, siccome è impiegato ar Vaticano,

tutte le sere recita er rosario.

***

De tre fratelli, Giggi, ch’è ‘r più anziano

è socialista rivoluzzionario,

io ‘nvece sò monarchico, ar contrario,

de Ludovico ch’è repubblicano.

***

Prima de cena liticamo spesso

pe via de sti principi benedetti:

chi vò qua, chi vò là, pare un congresso.

***

Famo l’ira de Dio, ma appena mamma

ce dice che sò cotti li spaghetti,

semo tutti d’accordo ner programma.

***

Trilussa

_____________

  1. C’hai raggione Ste’ de mette er sonetto der Trilussa, p’assignifica’ che ner tempo nun cambia gniente e, ar proposito ce so’ ‘n sacco de detti o proverbi, a ‘ncomincia’ da li “ladri de Pisa, ch’ar giorno litigheno e la nottr arubbeno ‘nsieme” a quello che dice: “ammazza, ammazza, so’ tutti ‘na razza”. In definitiva se tratta de ‘n “magna, magna”, perché “quanno chiama la greppia, sotto a chi tocca e vie’ fora ‘n’ammucchiata”.

    Comment by 'svardo — 29 Gennaio 2011 @ 15:56
  2. Famoso er “Bastone da passeggio” d’Antonio Gramsci: raffigurava ‘a divisione ‘n classi de la società. Er “pomo” d’oro, in arto, era l’aristocrazia, er “puntale” d’argento, in basso, era la borghesia e, in mezzo c’era er “bastone” de legno, era er popolo lavoratore. La borghesia fa la rivoluzione e er bastone s’arovescia: la borghesia va sopre, l’aristocrezia va sotto, ma er popolo arimane sempre ‘n mezzo a fa er c..o pe tutt’e due.

    Comment by 'svardo — 29 Gennaio 2011 @ 18:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>