Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

14 luglio 2018

Belli: Er giorno der giudizzio

g.g. belli - er giorno der giudizzio

Er giorno der giudizzio

***

Cuattro angioloni co le tromme in bocca,

se metteranno uno pe ccantone

a ssonà, poi co tanto de voscione,

comincieranno a dì: “Ffora a cchi ttocca!”

***

Allora vierà ssù una filastrocca

de schertri da la tera a ppecorone,

pe ripijjà figura de perzone,

come purcini attorno de la bbiocca.

***

E sta bbiocca sarà Ddio bbenedetto,

che ne farà du’ parte, bbianca e nnera,

una p’annà in cantina, una sur tetto.

***

All’urtimo usscirà ‘na sonajjera

d’angioli e, come si s’annassi a letto,

smorzeranno li lumi e bbonasera.

***

Giuseppe Gioachino Belli

____________________________

***

  1. Cuattro angioloni co le tromme in bocca,
    se metteranno uno pe ccantone
    a ssonà, poi co tanto de voscione,
    comincieranno a dì: “Ffora a cchi ttocca!” (continua)

    Comment by Stefano — 29 ottobre 2016 @ 08:30
  2. E con il “giorno der giudizzio” Buon Sabato a tutti!

    Comment by maria letizia — 14 luglio 2018 @ 10:46
  3. Bon fine settimana a tutti! P’a fine der monno?! Cercamo de raddrizza’ sta Tera, poi, pe’chi arivera’ più avanti, ce sarà de aspetta’. P’adesso tenemo solo Caronte, anticipatore de l’Inferi.

    Comment by 'svardo — 14 luglio 2018 @ 11:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>