Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Aprile 2011

Er vecchio seduto

er vecchio seduto

Er vecchio seduto

***

Se ne va a scallà pelle e le quattr’ossa,

ar sole, gran pittore, de ‘na panca,

quanno pur’er bastone inciampa e arranca,

ma nun cià forza pe daje ‘na scossa.

***

Se mette a sede, co ‘na faccia stanca,

che manco sa più lei come se possa

dà retta ar monno che frattanto affossa,

com’er cappello su la testa bianca.

***

E da ‘na tasca sfodera er giornale,

pe leggelo, se fa aiutà dar vento,

quanno che nun j’abbasta più l’occhiale.

***

Er clacson dietro strilla co artri cento,

e m’ariporta in fila in Tangenziale,

strappannome via er vecchio e quer momento.

***

Stefano Agostino

________________________________________________

  1. De certo nun ero io. Nun ero io, perchè ‘n quanto a ciccia ne tengo a iosa, ma gara la vorebbe leva’. Pe er resto, magara ancora senza bastone, stammene a sède sopre ‘na panchina, ar sole, ce posso puro sta. Cmq bella descrizzione e, da parte de tutta la categoria, grazzie pe essete soffermato su ‘sto penziero.

    Comment di 'svardo — 8 Aprile 2011 @ 10:11
  2. Pe’ quanto ariguarda “er penziero der giorno”, penzo che Mexes nun se scorderà de l’amici romani e, de conseguenza, pijerà spesso quer treno, però mai essere certi; ce se scorda de tanti amori.

    Comment di 'svardo — 8 Aprile 2011 @ 10:16
  3. No, ‘svardo, non potevi essere tu. Tu, al massimo sei maturo,non certo vecchio…

    Comment di Stefano — 8 Aprile 2011 @ 11:06
  4. Stefano sei un POETA VERO! bellissima descrizione, piena di nostalgia e tenerezza.Grazie

    Comment di letizia — 8 Aprile 2011 @ 11:56
  5. Alla fine della lettura si fa fatica a distinguere il componimento dal dipinto… E comunque sono suggestive le piccole sfumature nella tua descrizione di vecchiaia. A Stè te stai a raffinà, o a invecchià???

    Comment di Silvio — 8 Aprile 2011 @ 12:06
  6. Grazie der complimento e menomale che nun so’ ‘na mela, aggià sarei per tera, dato che so’ maturo. Però pò esse’ vero, certe regazze de 75 anni dicheno che so’ gustoso e penza’ che me credevo acerbo.

    Comment di 'svardo — 8 Aprile 2011 @ 12:27
  7. Bellissimo sonetto Stefano, dolce e nostalgico 🙂

    Comment di Federica_Perla — 8 Aprile 2011 @ 14:43
  8. Certo che il giorno del mio compleanno……sembra fatto apposta.
    Sto giocando, è bellissimo Stefano.
    Oggi Agostino avrebbe compiuto 57 anni, auguri Capitano, dovunque tu sia.

    Comment di Massimiliano "Bariggio" — 8 Aprile 2011 @ 16:41
  9. E’ vero, me lo sono dimenticato e forse non solo io. Agostino DIBA, ecco una “bandiera” che meritava ben altra sorte.

    Comment di RomamoR — 8 Aprile 2011 @ 19:21
  10. Complimenti vivissimi, un sonetto super,,,,bamente bello, un quadro da impressionisti. Grandioso Stefano.

    Comment di Pablo bighorn — 8 Aprile 2011 @ 22:17
  11. ZZZZzzzz… Mentre la RETE SOCCHIUDEVO ho letto n’artro Capolavoro, ER VECCHIO SEDUTO. Grazie Stefano, che ce allieti sta vita così… (ana)grama!…zzzzZZZZZ…

    Comment di Luis — 8 Aprile 2011 @ 22:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>