Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Agosto 2011

Tutto scòre

tutto score 

Tutto scòre

***

Me pare, a vorte, che sta vita è avanti

e nun ce riesco sempre a staje appresso,

come si fossi un artro da me stesso,

che io sto qui e lei me sta davanti.

***

Me sembra, devo dì sempre più spesso,

che lei è io semo reartà distanti,

ritmi diverzi, a lei queli incarzanti,

a me queli, pe dì, da “carma e gesso”.

****

Più vedo lei che prenne a core e a core,

me lassa dietro e aumenta la distanza,

più me convinco a annà a rallentatore.

****

E nun m’arenno conto che m’avanza

er tempo che trasforma in mesi l’ore

fin quanno nun ce n’avrò più abbastanza.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Bellissima Poesia Stefano, molto malinconica…
    Tutti i giorni ce tocca pià la vita de petto ma quanno i ritmi s’abbasseno se riflette se ne vale davvero la pena…
    Per continuare ad andare avanti, io me dico che in fondo abbiamo la fortuna de stare da questa parte del mondo e ce n’è un’altra dove la vita è molto più atroce…
    Ecco, lì sento il DOVERE di riprendere la corsa per dare comunque il massimo.
    Anche se questi sono tempi per noi inconsueti dove molte certezze sono svanite e all’orizzonte se vedono nuvoloni nerissimi, Lo dobbiamo a quelli meno fortunati di noi…

    Comment di Luis — 8 Agosto 2011 @ 10:49
  2. Nota fuori tema…
    Dice che Menez se sta a fà belli sonni pure al PSG…
    Dice che l’Arabi proprietari, che cianno li sordi, gli hanno messo a disposizione un bel gregge pè contà le pecore…
    Dice che è per questo che hanno piato pure Pastore…
    Mah, altro che Leonardo… Pe fallo corre io avrei ingaggiato un LeoPardo…

    Comment di Luis — 8 Agosto 2011 @ 10:54
  3. buon giorno a chi cè………………scorre e nun se ferma è il normale corso semo noi che no lo volemo capi…………
    ”Più vedo lei che prenne a core e a core,

    me lassa dietro e aumenta la distanza,

    più me convinco a annà a rallentatore.”

    Comment di PEDRO — 8 Agosto 2011 @ 11:15
  4. Sarve a li presenti e a quelli ch’ariveranno. None, è ‘mpossibbile staie a còre appresso; Lei va còr passo suo, scandito da li secondi, li minuti e ….. l’anni e li secoli; semo noi che arancamo cercanno de realizza’ li progetti seconno er desiderata nostro. Purtroppo c’ è puro “l’oste” cor quale abbisogna fa’ li conti.
    Na vòrta c’ereno meno programmi e allora guasi s’ariusciva a tene’ er passo, s’arespirava, nun c’era frenesia.
    Mo arivamo logori a la mèta, ma dovemo piassela a mele; è il “logoramento de la vita moderna”; più c’ammodernamo e più perdemo tereno.
    Na cosa ce consola: LA ROMA PO’ CORE AVANTI, MA LI NOSTRI AFFETTI NUN ARESTENO DIETRO. FOOORZAAA ROOOMAAAAAAAAA!!!!!

    Comment di RomamoR — 8 Agosto 2011 @ 13:26
  5. Ti capisco, sommo poeta, oh se ti capisco!

    Comment di Prometex — 8 Agosto 2011 @ 16:13
  6. Grande verità Stefano! La vita ci corre davanti e noi dietro con il fiatone…….

    Comment di letizia — 8 Agosto 2011 @ 17:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>