Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

15 Settembre 2011

I…taglia

i...taglia

I…taglia

***

Preoccupa la crisi finanziaria,

che ‘gni manovra pare più un salasso,

l’intera economia rischia er collasso,

‘gni giorno tira ‘na gran brutta aria.

***

La Borza ch’è aridotta a lo sconquasso,

 che arisparmià è un’impresa straordinaria,

pure pe chi nun campa de diaria

penzate un po’  chi vive senza incasso.

***

Se parla già de terza settimana,

quela der mese quanno se va sotto,

pe ‘no stipendio che nun dà la grana.

 

Ma ‘nvece d’evità de fà un gran botto,

 qui stamo a penzà solo a ‘na puttana

e a quer che ha preso, ha dato, ha reso e ha rotto.

***

Stefano Agostino

________________________________

  1. A forza de tajà nun c’è rimasto più niente, avèmo raschiato er fondo…

    Comment by Silvio — 15 Settembre 2011 @ 09:44
  2. I tagli dovrebbero farli a chi dico io…., allora sì che riuscirebbero a risanare!!!
    Per quanto riguarda il pensiero del giorno, spero che vadano giù come palombari e che ci restino……..

    Comment by letizia — 15 Settembre 2011 @ 12:01
  3. Buongiorno!
    E dici bene, Stè, citanno infine er più antico mestiere der monno…
    … Me ricordo infatti, da regazzino, che le vedevi che, passeggianno, roteaveno le Borsette…
    Po esse che mò, col progresso, agitano le Borse?

    Comment by Luis — 15 Settembre 2011 @ 13:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>