Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Marzo 2018

Er sabbato

er sabbato

Er sabbato

***

Nun c’è bisogno d’abbità ar “villaggio”,

pe gustà er sabbato ch’è poesia,

senza levà a Leopardi maestria,

ché solo ar paragone sto a disaggio.***

***

Er sabbato è riassunto d’alegria,

è libbertà, dop’èsse stati ostaggio,

è l’autostrada che, senza pedaggio,

porta ar casello de ’gni fantasia.***

***

Sinonimo de stacco e de riposo,

che pure si sto a casa e che nun esco,

me lo sgoccetto quanno me lo doso.

***

Vorebbe pijà le firme, si ce riesco,

pe tutelà sto giorno prodiggioso

e fallo patrimonio de l’UNESCO.

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Nun c’è bisogno d’abbità ar “villaggio”,
    pe gustà er sabbato ch’è poesia,
    senza levà a Leopardi maestria,
    ché solo ar paragone sto a disaggio. … (continua)

    Comment di Stefano — 17 Marzo 2018 @ 07:29
  2. Ber sonetto a rallegra’ ‘n sabato uggioso. M’associo all’urtima parola, perché si è ‘na giornata piovosa: Io nUN ESCO!

    Comment di 'svardo — 17 Marzo 2018 @ 08:13
  3. Bello il sonetto, anche se il meteo dice che pioverà, il sabato è sempre un giorno speciale!
    E allora, Buon Sabato!

    Comment di maria letizia — 17 Marzo 2018 @ 09:24
  4. Sinonimo de stacco e de riposo,

    che pure si sto a casa e che nun esco,

    me lo sgoccetto quanno me lo doso.

    È geniale! Stefano the Great!

    Comment di Pablo Bighorn — 17 Marzo 2018 @ 19:50
  5. Grazie Paolo. Ti voglio bene.

    Comment di Stefano — 18 Marzo 2018 @ 16:56

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>