Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Canzoni e Personaggi

21 Gennaio 2012

Papa Giovanni Paolo I recita Trilussa

  1. Che bel momento.grazie per avercelo ricordato!

    Comment by Sololupo — 21 Gennaio 2012 @ 11:38
  2. La mia poesia preferita. Grandiosa.
    Fa strano sentirla recitare da un non-romano, perché detta in romanesco acquista ancora più forza e suggestione.
    Va detto però che Papa Luciani era un provetto alpinista, nato sulle Dolomiti a nord di Agordo, che di boschi e salite era davvero esperto.

    Comment by Pablo BigHorn — 21 Gennaio 2012 @ 12:44
  3. Trilussa, poeta che rimava su ogni argomento d’attualità. Me pare de conosce ‘n’emulo che, puro lui sapenno rima’ ne l’attualità, sa spigola’ ner mejio de Trilussa.
    La “FEDE” è ‘n’argomento delicato e forte ner tempo stesso.
    Fede, crede’ ‘n quarcosa che ce spròna a anna avanti. Chi crede ‘n Dio pò ariusci’ a risollevasse.
    Quante vòrte ciò avuto bisogno de ‘st’aiuto.

    Comment by 'svardo — 21 Gennaio 2012 @ 16:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>