Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

22 Luglio 2009

La Carbonara

Tags: , , , , , , , ,

carb2

La Carbonara

 ***

Er sommo amplesso tra pancetta e ova,

mist’ar formaggio e ar pepe grattuggiati,

è er “nonprusurtra” pe’ gole e palati,

che reca sempre ‘n’emozzione nòva.

 ***

Lo sanno pure scapoli e ammojiati,

ar mònno piatto mejo nun se trova

e che magna’ la “carbonara” giova,

a bocca, gola e stommaco allignati.

 ***

Usa le penne o butta li spaghetti,

ma forse so’  mejo li rigatoni,

nun fa’ er purciaro, quanno che li metti.

 ******

Nun fa’ che la cottura s’accarponi,

che si la pasta è scotta, a denti stretti,

fa mejo ‘n carcio ‘n mezzo a li cojoni…

 

Stefano Agostino

______________________________

 

 
  1. In tutte le ricette a base de pasta, questa vie’ cotta in acqua e poi sartata ‘nde la padella aggiungenno, ‘n genere, ojio e, sempre, un mestolino de l’acqua de cottura. Vedemo er perché.

    La pasta, doppo scolata, continua comunque a “coce’” e quinni a assorbi’ liquidi. Se la si connisce ‘nde ‘na ciotola co”n sugo, de ‘sti liquidi nun ne trova abbastanza e addiventa gnucca, che è er termine che se usa pe”na pasta “accarponata” da la mancanza de liquidi. Scolalla nella cazzarola de cottura e aggiugne’appunto ‘ncora quarche liquido, arzann’a fiamma, permette quinni de porta”a pasta ar punto giusto de cottura. Quanti liquidi, dipenne da la pasta, ma mettene pochi e hai da vede’che vengheno subbeto assorbiti. Mettene ancora, pochi a la vorta, e a ‘n certo punto ‘a pasta nun l’ assorbe più: ‘n quer moment’è cotta. Du’ minuti è er tempo medio pe’ ‘sta coda de cottura. A l’urtimo, sartann’a pasta ‘n ‘sta maniera, er sugo se lega a la pasta ar mejio, danno spessore e profonnità a la preparazzione.
    Poi che v’ho da di’? BON’APPETTITO.

    Comment by Osvardo — 23 Luglio 2009 @ 08:05
  2. Una bella carbonara non si rifiuta mai, me stai a fa venì l’acquolina in bocca…
    Che si tratti di Roma città, o squadra, o ancora di cultura o poesia, o di architettura o di piatti tipici, l’emozione che trasmetti quando scrivi è sempre grande…Bravo Stefano, complimenti ancora…!!!!

    Comment by Adriano — 23 Luglio 2009 @ 08:43
  3. Osvardo: grazie per la chicca gastronomica. Adriano: sei grande, come sempre.

    Comment by Stefano — 23 Luglio 2009 @ 11:03
  4. mmmmmmmmm che dire? Hai reso sexy la pasta alla carbonara!! A me piace moltissimo, ma è senza dubbio una bomba calorica (per la mia linea e per la stagione)! Quest’inverno mi ci cimenterò sicuramente, seguendo alla lettera la ricetta di nonno Osvaldo anzi OsvaRdo (io conosco meglio lo spagnolo castigliano del romanesco):-*

    Comment by Principessa (Francesca) — 23 Luglio 2009 @ 11:04
  5. Fantastico anche questo sonetto, Stefano!
    Sembra quasi trasmettere i sapori gustati assaporando un piatto di carbonara…magari cucinato proprio da un esperto come te…Ed è proprio in quel momento che l’incontro tra la grande arte culinaria e la brillante natura poetica si fondono in un insieme di emozioni da lasciare senza parole…
    Un bacio 😉

    Comment by Luisa — 23 Luglio 2009 @ 11:11
  6. Principessa: l’importante era trasmettere un’emozione. Luisa: tu lo sai bene, sei tra le fortunate che hanno testato l’artista della carbonara… scherzo naturalmente. Grazie per le belle parole che hai sempre per me. Un bacio a te.

    Comment by Stefano — 23 Luglio 2009 @ 11:20
  7. Caro Stefano, ti garantisto che io mi sono emozionata molto, considerando anche che sono in ufficio e che alla mensa dell’Inail si mangia MALISSIMO (la carbonara neanche sanno cosa sia)!

    Comment by Principessa — 23 Luglio 2009 @ 11:21
  8. FANTASTICAAAAAAA…rimane uno dei miei piatti preferiti, considera che dalla tua descrizione mi è venuta l’acquolina in bocca…fameeeee.
    Federica

    Comment by Federica_Perla — 23 Luglio 2009 @ 12:12
  9. Grazie Federica. Mi fa piacere che ti piace. Sarebbe carino stilare ognuno una propria graduatoria di preferenza. Ma per farlo aspettiamo magari di inserire un po’ di sonetti. Un abbraccio e buon appetito…

    Comment by Stefano — 23 Luglio 2009 @ 12:16
  10. La carbonara che fa la mia mamma non si puo’ lontanamente paragonare al sushi @@@@@@@@@@@@@@@@ p.s. io pero’ i pezzetti di guanciale, per il 50%, li scarto!

    Comment by Principessa — 23 Luglio 2009 @ 12:39
  11. Principessa: guanciale o pancetta che sia, si può anche scartare come dici tu, l’importante è che abbia per osmosi trasmesso il sapore al resto del condimento.

    Comment by Stefano — 23 Luglio 2009 @ 12:44
  12. … Se penso che mia nonna una volta, nella carbonara, ci mise il SALAME…. vabbè lei è scusata perchè napoletana, anzi “Stabbiese”!

    Comment by Principessa — 23 Luglio 2009 @ 12:46
  13. Vojio favve prova ‘na versione estiva de la carbonara. Ar posto de la panzetta e dell’ova, ce metto er tonno all’ojio a crudo. La pasta più ‘ndicata so’ ‘e mezze maniche.
    ?ntanto che coci ‘a pasta (com’ho detto sopre)soffriggi ajio (mejio si è fresco e nun ce butti gniente), ojio e peperoncino (senza li semi)facenno attenzione de leva’ ‘a padella dar foco appena, appena l’ajio se colora. Drento a ‘n’insaltiera ce metti er tonno (mejio li filetti sott’ojio, quelli tosti) lo rompi co’ ‘na forchetta e c’ammischi ‘n ber pugno de prezzemolo co’ ‘na bella grattata de parmiggiano. Quann’a pasta è cotta la sarti ‘n padella co er soffritto e ancora calla, calla la butti ‘n de l’insalatiera. Ammiscgi bene er tutto e….BONAPPETITO.
    Dorcissima “princesse” ‘sto piatto estivo nun tie’ tante calorie e è puro fresco.
    Me piace de più firmamme accosì: ‘svardo.
    Pe’ li aromanisti ar blogghe de “stefanoasr”, tanto lui ha svagato subbito, so’ :RomamoR

    Comment by 'svardo — 23 Luglio 2009 @ 13:18
  14. ?na precisazzione: ‘a panzetta va bene p’a carbonara, ner mentre che er guanciale è pe’ l’amatriciana (griscia o ar sugo). Mamma li bbucatini!!!!!

    Comment by 'svardo — 23 Luglio 2009 @ 13:27
  15. mmmmm Osvardo, stasera veniamo tutti a cena da te :-9

    Comment by Principessa — 23 Luglio 2009 @ 14:30
  16. Me piace de magna “tete a tete”. Nun tengo er circonlesso a la fracese.

    Comment by 'svardo — 23 Luglio 2009 @ 14:56
  17. :-)) A proposito, ma perchè non organizziamo una cena ROMANESCA a settembre, quando saremo tutti rientrati dalle ferie? 😛

    Comment by Principessa — 23 Luglio 2009 @ 15:08
  18. Rigatoni co’la pajata? Bucatini a l’amatriciana? Coda a la vaccinara? Carciofi a la giudija? Trippa ar sugo co’ er pecorino? Cara “princesse” nun è robba da dieta.

    Comment by 'svardo — 23 Luglio 2009 @ 15:37
  19. Scusa “ste'”, sto a entra ne lo spirito de “La società d’i magnaccioni”. Ma er fatto è ch’ho da sta a dieta e a scrive ‘ste cose me pare de magnalle.

    Comment by 'svardo — 23 Luglio 2009 @ 15:42
  20. E’ un piacere leggerti ‘svardo, quindi nessun problema. Principessa: per la cena ci sto

    Comment by Stefano — 23 Luglio 2009 @ 16:11
  21. Vabbè, ritornerò a casa a “pedagna” (è giusto?)… per la cucina romana dietro casa mia c’è EDMONDO fa una carbonara da …ORGASMO 😛

    Comment by Principessa — 23 Luglio 2009 @ 18:19
  22. Io avevo votato la coda alla vaccinara perchè…..è troppo tempo che non la mangio. La carbonara è il mio “primo piatto” preferito e raccontato così, caro Stefano, oltre all’emozione m’hai fatto pure venì voglia di mangiarla…..ora.

    Comment by Massimiliano "Bariggio" — 19 Marzo 2010 @ 13:34
  23. La Carbonara è come n’amplesso co la mejo donna der monno però si me la ripassate in padella co l’ovo me costrignete a fa na straggge….. l’ovo ha da esse “bavoso”…. e su sta cosa nun transigo… anche perchè Lei (sua Maestà LA CARBONARA) si la sartate in padella co l’ovo si potrebbe anche da incazzarsi….
    e ora bona carbonara a tutti…..

    Comment by Tommaso — 19 Marzo 2010 @ 14:44
  24. E’ buonissima la carbonara e a me dicono che la cucino bene!!!

    Comment by Alessandra — 19 Marzo 2010 @ 16:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>