Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Maggio 2012

Tiramisù Roma

Tiramisù Roma

******

Quanno che ciò l’umore sottotera,

‘na cosa m’aritira su er morale

giramme ‘sta città, la Capitale,

in de ‘gni ‘ndove da matina a sera.

***

Io senza Roma mia me sento male,

e che ce posso fà, ‘sta cosa è vera,

pe me er Raccordo e già ortre-frontiera,

e quer che va più in là sa de lazziale.

***

E nun ne fo questione de rione,

d’abbità in centro o più in periferia,

m’abbasta de sapé ch’er Cuppolone, …

***

… cor Colosseo, un pezzetto è robba mia,

che già me se n’è annato quer magone,

mentr’io da Roma nun andrò mai via.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Roma robba nostra… eh sì, è sempre bello percorrere le strade della città eterna per andare al lavoro passando in mezzo all’arte e alla storia, bellezze quasi eteree sotto le prime luci delle mattine di maggio, meglio ancora quando non piove eheheh!

    Comment di Silvio — 23 Maggio 2012 @ 08:49
  2. Buongiorno a tutti. Quanto è vero Ste ! La mia passeggiata terapeutica preferita è passare su Ponte Sisto , uno dei piu’ antichi di Roma, il ponte che collega Piazza Trilussa a via dei Pettinari, ovvero Trastevere e Rione Regola. Provare per credere ! La Roma che conosco nun la conosci mai.

    Comment di roberto genesis — 23 Maggio 2012 @ 09:44
  3. Giusto er penziero der giorno: ANCORA C’E’ GENTE CHE NUN SE CAPACI…TA, NER MENTRE TANTI SE SO’ SCORDATI.
    Me dispiace de contraddi’, ma ortre er GRA c’è tanta ROMA ANTICA che nun è cosa laziale. Lungo la Via Ostiense e la Via der Mare, che prima partiva da Piazza Venezia, è sempre e tutta …..ROMAAAAA!!!!!.

    Comment di 'svardo — 23 Maggio 2012 @ 10:29
  4. … a chi lo dici!!

    Comment di Elio Malloni — 23 Maggio 2012 @ 13:38
  5. A Stè, sei sempre Er Più !
    Er Nostro Tiramisù sei sempre tu… troppo forte!
    Te ce lo sai che non son nato a Roma ma lo posso dì pur’io?
    Ce l’ho ner Sangue… Sto periodo vado e vengo da fori Roma, pio l’autostrada, scenno da Monteporzio Catone e vedo la piana de Roma… GRANDE… CASA!!!
    Aivoja arivà a milano e dì altrettanto: cò la nebbia bisogna prima trovalla!!!

    ‘Nsomma trovi sempre le rime,
    dice… pure artri fanno i sonetti
    ma non sanno, sti poveretti
    che le tue sò sempre le Prime!!!

    Comment di Luis — 23 Maggio 2012 @ 22:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>