Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 2, 2011

I sonetti romani,Romanamente

2 marzo 2011

Er frullatore

er frullatore

Er frullatore

***

A vorte ciò come quel’impressione,

de vive fisso ’ndentro a un frullatore,

coro de qua e de là, tutte le ore,

senza fermamme manco cor bastone.

 ***

Si m’arivedo ar rallentatore,

cerco e aricerco ’ndo sta la raggione,

d’annà sempre de corza a propurzione,

come a ‘nseguì ’na vita da rincòre.

 

Me chiedo a cacchio serve e quanto vale

a core come un matto o un invasato,

su e giù, de qua e de là, ma è normale?

 

Ce riuscirò a fermamme e a ripijà fiato,

toje la spina ar frullatore a pale

prima d’uscicce tutto triturato?

 

Stefano Agostino

____________________________