Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

28 Settembre 2021

Er caffè de Sant’Eustacchio

Er caffè de Sant’Eustacchio

***

Che bono ch’è er caffè de Sant’Eustacchio!

Miscela de un artista a fà tazzina,

ch’è da gustà nun solo la matina,

quanno che dentro ar còre fa sbatacchio.

***

Ma nun lo straformà in medicina,

mettennoce der latte: è tutto un cacchio.

E si er barista chiede: “Je lo macchio?”

risponni si vò in faccia ’na cinquina!

***

Sgoccettatelo càllo, lentamente,

mentre ’mprofuma er naso co l’aroma

che più lo bevi, più se fa presente.

***

Quer sorzo de miscela cià er diproma,

ch’è stato conzegnato da la gente,

der più mejo caffè che ce sta a Roma.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Settembre 2021

Dar Vangelo der giorno: “si un organo è de scannalo”

Dar Vangelo der giorno: “si un organo è de scannalo”

***

Disse Gesù: “Chi scannalizza un pupo,

è mejo che co un sercio intorno ar collo,

se butti e resti giù fisso in ammollo,

in fonno ar mare, dritto da un dirupo”.

***

E ancora: “Si la mano tua dà accollo,

a scannalo de un brutto, cupo cupo,

nun perde tempo, mozzela da lupo,

è mejo ar Regno monchi e co barcollo …

***

… che a l’Inferno o Geènna indentr’ar foco.

Similimente er piede oppure l’occhio,

tajali, si de scannalo anche poco.

***

È mejo entrà o zoppi o orbi ar cocchio,

su ar Paradiso, che sani in quer loco

‘ndó regna er verme e tutto è un gran papocchio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

25 Settembre 2021

Ritorno ar medioevo

Ritorno ar medioevo

***

Dar quinnici de ottobbre tutti indietro,

ritorno in ufficio ar naturale,

lo smart-working sopra ar capezzale,

finisce giù in cantina, dietro a un vetro.

***

‘Na mossa che cià più der medievale,

che fa tornà a tanto tempo addietro,

serve a riempì li autobus, le metro,

e tutti assieme in centro … sì… geniale.

***

Perché nun ritornà ar manicotto,

ar timbro, a pennino e ceralacca,

co la carta carbone a passà sotto?

***

Co clima e ecologgia che vanno in vacca,

co li “mijori” che mó ciànno rotto,

e ‘sto Paese affonna ne la cacca.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Settembre 2021

A Padre Pio

A Padre Pio

***

Lo sguardo de dorcezza e sofferenza

immaggine de tutto Padre Pio,

in cui specchiamme arifresso io,

ner giorno santo de ‘sta ricorenza.

***

Lo sguardo, che vorebbe fusse er mio,

de chi ha capito che la quintessenza

de tutto er monno sta ne l’esperienza

de chi ner prossimo ce vede Dio.

***

Un omo vero, duro ne la voce,

co un còre spalancato a la preghiera,

le stimmate de Cristo e la Sua Croce.

***

Esempio da seguì pe vita e pace,

e Santo da ‘nvocà quanno la sera

se smorza er lume e intorno tutto tace.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

22 Settembre 2021

Er Granne Fratello

Er Granne Fratello

***

Quanno se ’ntenne dì: “Granne Fratello”,

se penza tutti ar nome der programma,

che sgama arch’er più nano-fotogramma,

de gente chiusa in “Casa” pe fà quello.

***

“Granne Fratello” invece è l’ologramma,

che ce controlla sempre, senza appello,

e scruta fino ar dentro der cervello,

come nemmanco l’encefalogramma.

***

Nun pòi fà gnente che t’hanno tanato:

satelliti, “computer”, raggi spia,

già sanno tutto, appena l’hai penzato!

***

E nun c’è modo in cui li pòi fotte,

come ner “Truman Show” pe scappà via,

“Bongiorno, bonasera e bonanotte!”

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

21 Settembre 2021

Autunno

Autunno

***

È la staggione der ritorno a scòla,

der tempo che s’aggriggia e der majone,

de le giornate cor termosifone,

de quanno che accoperti le lenzola.

***

E li colori vanno dar marone,

tennente ar rosso mogano e nocciola,

le foje intappetate a fà da spola,

dar giallo paja a l’ocra più carbone.

***

Prima de la castagna e der novello,

ce sò li fichi scuri de Settembre,

ma quanno è Ottobre er sole cià er mantello.

***

Piagne li morti, er celo de Novembre,

la sciarpa è in cerca de guanti e cappello,

ch’è tempo de sgobbà, ecco Dicembre.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Settembre 2021

Santa Candida a Ventotene

Santa Candida a Ventotene

***

Pe Santa Candida la devozzione,

cià quarche cosa de particolare,

un misto de profumi e sa de mare,

e nun è solo pe la processione.

***

Tanti ricordi de perzone care,

la festa a Ventotene e l’emozzione

de quanno parte poi “uè uè, oh pallone”,

e tutta l’isola fra giochi e gare.

***

Er 20 de settembre è er dì de festa,

la banda che fanfara dar matino,

co fochi d’artificio su la testa.

***

Ché l’occhi accesi sempre a ‘gni bambino,

li manneno in memoria che je resta,

fin quanno l’aricconta ar nipotino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***