Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

19 Maggio 2022

La pace co la pace

La pace co la pace

***

Si vòi la pace, ciài da fà la pace,

lapalissiana tautologgia,

però nun pare che quest’è la via,

seguìta da l’Europa e er monno tace.

***

Tutti a parole stessa fantasia,

«Volemo qui la pace … e nun ce piace

‘gni morte pe ‘sta guera e quer “qui giace”»,

ma ne li fatti, semo a la follia.

***

Se arma e se finanzia ‘sto conflitto,

pe carità, c’è stato un aggredito

e l’aggressore dev’èsse sconfitto.

***

C’è da provà però cor negozziato,

no continuà co l’armi a l’infinito,

sinnò la Pace nun rima co Nato.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

 

I sonetti romani,Tempi d'oggi

4 Maggio 2022

‘Na gara a chi è più matto

‘Na gara a chi è più matto

***

Er monno, amichi mia, s’è ‘mpazzito,

pare che nun ce sia un capo normale,

è un gareggià a chi fomenta er male,

‘na gara senza un vincitore o mito.

***

Quello che parla de guera totale,

quest’artro ch’è già pronto a schiaccià er dito,

pe fà partì un razzo mai partito,

uno più massacrante e micidiale.

***

Co questi che vorebbero la pace,

ma manneno le armi più potenti,

pe fà vedé che qui nisuno tace.

***

Uno sortanto, in mezzo a ‘sto ber desco,

ce prova a fàlle raggionà ‘ste genti,

ma chi l’ascorterà Papa Francesco?

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

30 Marzo 2022

Finisce l’emergenza, mica er Covid

Finisce l’emergenza, mica er Covid

***

C’è da sarvà così l’economia,

che nun se pò più nun mollà la lenza,

lassà le brije sciorte è un’esiggenza

che vale più der rischio epidemia …

***

… ma dichiarà la fine d’emergenza,

quanno a contaggi è piena pandemia,

sa un po’ de come dì … sia quer che sia,

de riaprì tutto nun se pò fà senza.

***

A compricà er quadro generale

la crisi in Ucraina e ‘sta guera,

che a ‘sto momento pare er vero male.

***

Ma mascherine co distanziamento

nun sò da toje da matina a sera,

checché dica Governo e Parlamento.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Marzo 2022

Caro benzina

Caro benzina

***

Lo dice anch’er ministro Cingolani,

du’ euri e trenta ar litro de benzina,

che poi aumenta pure ‘gni matina,

è un furto in danno a tutti l’italiani.

***

Sarebbe cosa bona e medicina,

prima de oggi, manco de domani,

de ribbassà ‘sti prezzi de l’ottani,

tajanno iva, accise a ‘sta rapina.

***

Si lo dice un ministro der Governo,

c’è da mettese subbito ar lavoro,

pe arisorve ‘sto probbrema interno.

***

Portà la benza a prezzi da decoro,

ché a seguità così vive è un inferno,

pe l’anima de li mortacci loro.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 Marzo 2022

Vergogna assoluta

Vergogna assoluta

***

Hai bombardato pure l’ospedale

quello pediatrico de li bambini,

dopo de questo de idee e fini

che ciài e er tuo proggetto criminale …

***

… nun vojo più discute: che confini?

Dipromazzia e lotta nazzionale?

Trattà co te già più nun è normale,

ché quer ch’hai fatto è solo d’assassini…

***

… e genocidi … che hai recrutato,

esercito de merda senza appello,

vijacchi e infami e che va processato …

***

… inzieme a te ch’hai da finì a la gogna,

dopo d’avé ordinato ‘sto macello,

er monno l’hai coperto de “vergogna”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

7 Marzo 2022

sPUTIN aria e te ricasca addosso

sPUTIN aria e te ricasca addosso

***

Che te sei messo in testa? A ‘mbecille!

De fà davero ‘na guera mondiale?

Ma bevi meno vodka … te fa male,

ché ciài er cervello ormai che fa scintille.

***

Nun è un videogioco, ma è reale,

uccide l’indifesi a mille a mille,

sgancià le bombe senza mai finille,

e comportasse da gran criminale.

***

Stai a giocà a Risiko cor monno,

sortanto che a seguità st’annazzo,

de distruzzione e morte, in un seconno

***

… quarcuno poi te lancia un quarche razzo,

te sdraia, taccitua e de tu’ nonno,

ché hai fracassato a tutti palle e cazzo!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

24 Febbraio 2022

La guera in Ucraina

La guera in Ucraina

***

Da le minacce ar fatto reale:

a l’improviso schioppa qui la guera,

co Putin che je ‘nvade la frontiera,

l’Ucraina sotto attacco micidiale.

***

Un giorno triste pe tutta la Tera,

quanno che c’è un conflitto vince er male,

qualunque latitudine è uguale,

nun c’è raggione mai, tutto s’azzera.

***

Restamo tutti attoniti ar momento,

speranno che se trovi soluzzione

che possa mette fine a ‘sto tormento.

***

E risparmià già ‘na popolazzione,

in preda ar giusto panico e a ‘sto vento,

che soffia ar sòno triste der cannone.

***

Stefano Agostino

______________________

***