Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo 31st, 2019

La Roma in rima,Stagione 2018-19

31 Marzo 2019

Roma – Napoli

Roma – Napoli: 1-4

***

Che artro devi dì? Nun c’è più gnente.

Ormai nun va nemmanco più un reparto,

difesa e centrocampo sò da scarto,

l’attacco è gravemente insufficènte.

***

‘Gni vorta pe segnà pare ch’è un parto,

invece a prenne un go’, portiere assente,

ciài ‘na facilità che co la mente

hai preso er primo, ma è sùbbito er quarto.

***

Ner mentre l’artre porteno un proggetto,

che mano a mano poi diventa squadra,

la Roma vènne sempre co l’effetto …

***

… che l’artre se rinforzeno de tanto

e tu arimani (e questo nun me quadra)

‘gni anno cor magone der rimpianto.

***

Stefano Agostino

***

 

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Er Padre misericordioso

Er Padre misericordioso

***

I

C’era ’na vorta un padre assai riccone,

tereni, case e sòrdi in abbonnanza,

du’ fiji inzieme a sé e la maestranza,

tra schiavi e servi, un sacco de perzone.

 ***

Ma er minore de la fratellanza,

un giorno se svejò co l’intenzione,

d’annà giranno er monno a fà er beone,

godennose la quota de spettanza.

 ***

Così je disse ar padre: “Damme er mio,

io la mia eredità la vojo adesso,

che ciò diritto sì, p’èsse tu fijo”.

 ***

Er padre acconzentì: “Te sia concesso”,

je diede er suo, lo salutò: “addio”

e quello se n’annò ar momento stesso.

***

II

Diceva: “D’ora in poi pe me è vacanza.

Basta de lavorà pe stà in priggione,

mó vojo fà davero er magnaccione,

senza più mette limiti a ortranza”.

 ***

Ma nun durò pe tanto ’st’occasione,

lui sperperò ricchezze e ’gni sostanza,

quanno ’na carestia fece mattanza,

s’aritrovò de botto a fà er barbone.

 ***

Ridotto in povertà, chiese er permesso,

de fà magnà li porci e lui in obblìo,

a raggionà a quant’era stato fesso …

 ***

… lui che credeva d’èsse un semiddio,

e invece, guarda un po’, com’era messo,

speranno de magnà pane stantio.

***

III

Fu allora che penzò: “Fo’ l’accattone,

quanno che a casa mia la robba avanza,

io qui me dolo p’ariempì la panza,

co scarti de magnime pe razzione.

 ***

Si torno a casa so che lì se pranza,

mi’ padre m’aripija a fà er garzone

o schiavo che già magna da pappone,

rispetto a me che ciò solo dojanza”.

 ***

E je dirò a mi’ padre: “Pago er fio,

speranno che m’accoji da l’ingresso.

Rimproveri e condanne me le pìo …

 ***

… e tutto quanto er resto che c’è annesso,

che nun sei più mi’ padre e manco zio,

nun so’ più degno certo d’èsse ammesso”.

***

IV

E mentre aritornava in lontananza,

er padre che lo vide, cor fiatone,

je corze incontro, scese un lacrimone,

l’abbraccicò, urlanno d’esurtanza.

 ***

Chiamò li servi e disse: “Annunciazzione:

quest’è mi’ fijo, dateje la stanza,

lavatelo, vestitelo, se danza,

mó se fa festa, ché ce n’è raggione!

 ***

E nun finisce qua, corète appresso

a quer vitello grasso sur pendio,

là in fonno ar centro, sott’a quer cipresso …

 ***

… lì sur crinale, er più vicino ar rio,

stasera lo magnamo, arto e spesso,

ché co mi’ fìi s’è aricongiunto er trio.

***

V

L’artro fratello, er primo in fijazzione,

mentre che lavorava in vicinanza,

s’accorze de le grida in adunanza,

volle capì che fosse ’st’ovazzione.

 ***

Vide la scena de quel’alleanza

a festeggià er fratello e l’uccisione

de quer vitello, guasi a premiazzione

de chi aveva violato ’gni creanza.

 ***

Je disse ar padre, peggio de un brusio:

“Io ho sempre lavorato da indefesso,

mai omaggiato, nun presi conzìo …

 ***

… de stà a buttà l’averi tua ner cesso,

e questo ch’ha abbruciato un bendeddio,

viè festeggiato, nun capisco er nesso”.

***

VI

Er padre che ariccorze sta lagnanza,

je arispose: “Ma, tu sei er campione,

’gni cosa è tua, senza discusione,

ma cerca de frenà ‘sta tracotanza.

 ***

E guarda, invece, più a la bona azzione,

ché tu’ fratello, ormai senza speranza,

è aritornato in vita e qui c’è usanza,

de cancellà ’gni torto e ’gni sanzione”.

 ***

Parabbola che fa restà de gesso,

leggenno ‘sto ricconto sur leggìo,

penzanno a che ce sta dietro ariflesso …

 ***

… Ché uno de ’sti due, poss’èsse io,

er prodigo o quel’artro ch’è l’istesso,

ma er Padre der racconto è sempre Dio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***