Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Febbraio 2019

28 febbraio

28 febbraio

***

L’urtimo dì, er ventotto, de febbraio,

ché l’anno bisestile è un’eccezzione,

fa de ’sto mese, in tutt’er carozzone,

er più nanetto, breve e anche er più gaio.

***

Febbraio me dà come l’impressione

de cercà spazzio fra Marzo e Gennaio,

finito lì, che so, a scontà un guaio,

chiedenno scusa pe l’intromissione.

 ***

Così che ce arigala er Carnevale,

guasi si fusse stesso lui ’no scherzo,

che dura poco e nun ce pò fà male.

 ***

“Ventotto ce n’è uno”, dice er verzo,

anche pe questo è er mese più speciale:

ché fa svortà l’inverno a servosterzo.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Febbraio 2019

La protesta der latte

La protesta der latte

***

Capisco la protesta e le raggioni,

nun me permetto certo de discute,

quann’è er lavoro e tocca la salute,

nun cià bisogno de motivazzioni.

***

Ce l’ho co chi lamenta sprovvedute

risorze, da le peggio occupazzioni,

a chi produce latte e a l’oppignoni

espresse, da fà invidia a quelle mute.

***

Ma nun capisco lo sprecà ‘sto latte,

co tanta gente che, pe ‘gni reame,

co la miseria nera ce combatte.

***

Fa male da vedé trattà letame,

‘sto ben de Dio che pò fà soddisfatte,

le bocche de chi se mòre de fame.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Er pettegolo

Er pettegolo

***

Stai sempre a mormorà de questo e quello,

nun ce n’è uno ar monno che va bene.

E t’amareggi er sangue ne le vene,

in de l’afflusso tra er còre e er cervello.

***

Stai sempre pronto, co le gote piene,

a vomità parole in ritornello,

in grado de tajà come un cortello,

contro chiunque, e pure si cià pene.

***

Ce n’hai pe tutti, eppoi de tutti quanti

conosci a menadito ‘gni difetto,

le storie più anniscoste e più scottanti.

***

 Però quanno quarcuno più diretto, 

te fa notà li impicci tua … (e sò tanti)

risponni: “No, io no, io so’ perfetto”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Febbraio 2019

Bastà a noi stessi

Bastà a noi stessi

***

Quanno lo capiremo tutti quanti,

che si badamo a noi e a l’artri zero,

se costruimo attorno un cimitero,

de quelli senza tombe e senza santi.

***

Er fatto è comprovato, sto a dì er vero,

ché più guardamo a noi come importanti

e l’artri li tenemo assai distanti,

più ce vié appresso giù quer velo nero …

***

… che ce fa grugni cupi e sguardi tristi,

e crede de abbastà soli a noi stessi,

come che fanno tanti illusionisti …

***

 … in grado sempre d’arifacce fessi,

cor mito de un “io” da egoisti,

a anticipà l’ombra de li cipressi.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani

24 Febbraio 2019

Dar Vangelo der giorno: “èsse misericordiosi”

Dar Vangelo der giorno: “èsse misericordiosi”

***

Gesù je disse: “Amate li nemichi,

a volé bene, a chi ve vole bene,

è cosa che nun reca grosse pene,

come l’amà sortanto quelli amichi.

***

Nun fa così chi cià l’arterie e vene

da peccatore, da li tempi antichi?

Quelli che se fan granni, belli e fichi,

pe amà chi je riserva pranzi e cene.

***

Tocca da èsse misericordiosi,

come da sempre fà er Padre co voi,

nun condannate mai, ché co le dosi …

***

… co cui voi misurate tutti, poi,

verete giudicati, e ‘gnuno sposi

l’idea der perdonà ‘gni artro fra noi.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

 

 

La Roma in rima,Stagione 2018-19

23 Febbraio 2019

Frosinone – Roma

Frosinone – Roma: 2-3

***

Se pò vince così? Ma certamente.

Ché la fortuna è già parte der gioco,

nun è idea che dà fumo e non foco,

ma è cosa ovvia che sana la mente.

***

Un artro po’ e ce divento roco

a forza de stà a urlà continuamente

ar terzo go’ de Dzeko ch’è parente

de quello de l’artr’anno pressappoco.

***

Aveva fatto er primo in rimonta

cor due immediato, go’ de Pellegrini,

ma poi er pari loro che te smonta.

ééé

Ma poi, ortre la zona Cesarini,

ariva ‘sta vittoria che assai conta,

poi tutti a casa … senza cartellini.

***

Stefano Agostino

***

Poesie romanesche

Trilussa – La Maschera

La Maschera

***

Vent’anni fa m’ammascherai pur’io.

E ancora tengo er grugno de cartone

che servì p’annisconne quello mio.

Sta da vent’anni sopra un credenzone

quela Maschera buffa, ch’è restata

sempre co la medesima espressione,

sempre co la medesima risata.

‘Na vorta je chiesi: “Beh, come fai

a conzervà lo stesso bon umore

puro ne li momenti der dolore,

puro quanno me trovo fra li guai?

Felice te, che nun te cambi mai,

felice te, che vivi senza còre”.

La Maschera arispose: “E tu che piagni,

che ce guadagni? Gnente, ce guadagni.

Ché la gente dirà: Povero diavolo,

te compatisco… me dispiace assai…

Ma in fonno, credi, nun je ‘mporta un cavolo.

Fa’ invece come me, ch’ho sempre riso

e, si te pija la malinconia, 

coprite er viso co la faccia mia,

così la gente nun se scoccerà…

Da allora in poi, nasconno li dolori

de dietro a un’alegria de cartapista

e passo per un celebre egoista,

che se ne frega de l’umanità.

***

Trilussa

___________________________

***