Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 20th, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Febbraio 2019

Acqua

Acqua

***

È l’acqua, sin da quanno sgorga in fonte,

er friccico de Vita der Pianeta,

che venghi giù a cascata oppure quieta,

fin’a che ariva ar mare inzù dar monte.

***

E nun c’è poesia e né poeta,

che ciabbia corde afone de fronte,

ner mentre fissa dritto l’orizzonte

e l’occhio indetr’ar mare se disseta.

***

L’acqua prezziosa in de ‘gni goccia e a goccia,

zampilla de freschezza trasparente

riggenera, pulisce e se fa doccia.

***

E vale più de l’oro veramente,

ben più de lo scavà quarziasi roccia,

chiedilo a chi cià sete ‘ndov’è assente …

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Nun mollà l’obbiettivo

Nun mollà l’obbiettivo

***

Nun devi da mollà un obbiettivo,

perché nun è de facile conquista,

è come toje ‘gni orizzonte a vista,

pe quanto sia de luce e suggestivo, …

***

… solo perché lontano e er quanto dista,

lo pò sapé, senza interogativo,

chi ariva in là cor suo campo visivo

 e la distanza certo nun l’attrista.

***

Inzeguilo quer sogno, si ce credi,

chi te lo dice che nun sia reale

e più vicino assai de quer che vedi?

***

Così, ner caso in cui te dice male,

saprai arisponne, quanno te lo chiedi,

che senza se pò vive bene uguale.

***

Stefano Agostino

_______________________

***