Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio, 2019

La Roma in rima,Stagione 2018-19

30 Gennaio 2019

Fiorentina – Roma C.I.

Fiorentina – Roma: 7-1

***

Perché dovrei da scrive ‘sto sonetto?

Nun meritate manco più ‘na rima,

tarmente in voi ho perzo ormai la stima,

che me sto zitto e medito l’effetto.

***

Co ‘sto punteggio, ch’è da mette in cima,

tra le schifezze a cui tu ciài costretto,

da umiliazzione, senza arcun rispetto,

ché poi, a annà vedé, nun è la prima.

***

Si aveste un bricioletto de decoro,

stareste a chiede scusa a li tifosi,

a capo chino e tutti a turno e in coro.

 

Invece ve ne state già paciosi,

senza penzieri a navigà ne l’oro,

dopo ‘na prestazzione da scabbrosi.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Penziero de la sera

Penziero de la sera

***

Quanno fa buio, che scurisce e annotta,

a vorte me martella ‘sto penziero,

si m’è passato un artro giorno intero,

ch’ho fatto volà via, senza ‘na lotta.

***

Intenno dì, ner mentre guardo er nero

de un cèlo che la mente assai me aggrotta,

si er tempo l’ho sprecato e me scazzotta

un artro dì finito zero a zero.

***

Pe nun dové ‘gni giorno fà li conti,

co ‘sto magone che sa un po’ de lutto,

che nun regala gnente e mai fa sconti …

***

…. tocca da dà a ‘gni minuto er tutto

che ciài ner còre e quanno che l’affronti

dà in fretta er fritto e, senza un fratto, er frutto.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Gennaio 2019

Li giorni de la merla

Li giorni de la merla

***

Se dice de ’sti giorni che ’na merla,

in lotta contro er gelo de Gennaio,

volle aspettà l’inizzio de Febbraio,

niscosta indentro ar centro de ’na gerla.

*** 

Bojaccia, era un comignolo! Che guajo!

Quanno sortì fu peggio de ’na sberla:

da ch’era entrata tinta griggio-perla,

mó era de un neraccio carbonajo.

*** 

Gennaio fu così che s’è allungato

logranno ar mese dopo, a fàllo corto,

un par de giorni interi ch’ha arubbato.

*** 

Quest’è er racconto, fórze un po’ contorto,

pe dì che pe combatte contro er Fato,

si t’annasconni, guasi sempre hai torto!

**

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

27 Gennaio 2019

Atalanta – Roma

Atalanta – Roma: 3-3

***

Un pari che te lassa l’amarezza,

dopo quer primo tempo da tre a zero,

che nun pareva manco fusse vero,

pe come ch’è venuto, co sciortezza.

***

Ma tutt’a un botto, poi, s’è fatto nero

er cèlo e er pomeriggio de l’ebbrezza,

s’è aribbartata tutta la grannezza

e er risurtato è un pari poco fiero.

***

Ché un punto in fonno poi co l’Atalanta,

nun è de certo da guardà pe storto,

anzi semmai qui sa de mano santa.

***

Ma pe com’è arivato, sì contorto,

cià er senzo come un sogno che te ‘ncanta,

che poi te sveji e er sogno te s’è sciorto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “lo Spirito der Signore è sopra de Me”

Dar Vangelo der giorno:

“lo Spirito der Signore è sopra de Me”

***

Un sabbato Lui entrò in sinagoga,

je venne dato un rotolo de Legge

era Isaia, che lì cominciò a lègge,

parola pe parola e senza foga, …

***

“Lo Spirito de Dio” … disse a quer gregge …

“è su de Me, ché Lui m’ha dato toga,

d’annuncià er Regno e toje chi soggioga

pe dà libberazzione che soregge”.

***

Riavvorze quer papiro benedetto,

co l’occhi su de Lui, tutti a guardallo,

e allora disse: “Quer ch’ho appena letto …

***

… er passo de Isaia, oggi è compiuto”,

e in quer momento, da quer piedistallo,

‘gni omo in assemblea se fece muto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Gennaio 2019

Ciao Julen

Ciao Julen

***

Accomunato da la stessa sorte,

de ‘na traggedia assurda, tu bambino,

come quer pòro pupo de Arfredino,

stessa malaugurata infame morte.

***

Ché come lui quer giorno a Vermicino,

finito in dentr’a un pozzo senza scorte,

nun ce l’hai fatta … e che giornate corte

oh piccolo Julen ner tuo destino.

***

Ce l’hai pure ner nome l’angioletto

che anche quaggiù, tra noi, sei sempre stato,

nun solo adesso che lo sei perfetto …

***

… ner Monno novo ‘ndó  tutto è incantato,

da ‘ndove chi cià l’occhi da pupetto,

nun pò cadé mai più e vive beato.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Gennaio 2019

La Converzione de San Paolo

La Converzione de San Paolo

***

Lui se n’annava là, verzo Damasco,

quer giorno e a un tratto venne forgorato

’na luce accesa, forte, l’ha cecato

stava a cavallo e disse: “Aiuto, casco!”

***

Poi udì ’na voce d’uno un po’ arterato:

“Saulo, e basta un po’ de stà a ricasco

de chi m’ammazza er gregge e fa’ er fuggiasco,

cambiete er nome e fa’ ch’Io sia lodato!”

 ***

La voce der Signore Gesù Cristo:

“Si t’ho cecato ce sta ’na raggione:

ché fino a oggi tu nun ciài mai visto”.

***

Pe Paolo fu lì la Converzione:

discepolo poi apostolo, ha rivisto

Roma, cambiati er nome e la missione.

***

Stefano Agostino

____________________________________

***