Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 30 Gennaio, 2019

La Roma in rima,Stagione 2018-19

30 Gennaio 2019

Fiorentina – Roma C.I.

Fiorentina – Roma: 7-1

***

Perché dovrei da scrive ‘sto sonetto?

Nun meritate manco più ‘na rima,

tarmente in voi ho perzo ormai la stima,

che me sto zitto e medito l’effetto.

***

Co ‘sto punteggio, ch’è da mette in cima,

tra le schifezze a cui tu ciài costretto,

da umiliazzione, senza arcun rispetto,

ché poi, a annà vedé, nun è la prima.

***

Si aveste un bricioletto de decoro,

stareste a chiede scusa a li tifosi,

a capo chino e tutti a turno e in coro.

 

Invece ve ne state già paciosi,

senza penzieri a navigà ne l’oro,

dopo ‘na prestazzione da scabbrosi.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Penziero de la sera

Penziero de la sera

***

Quanno fa buio, che scurisce e annotta,

a vorte me martella ‘sto penziero,

si m’è passato un artro giorno intero,

ch’ho fatto volà via, senza ‘na lotta.

***

Intenno dì, ner mentre guardo er nero

de un cèlo che la mente assai me aggrotta,

si er tempo l’ho sprecato e me scazzotta

un artro dì finito zero a zero.

***

Pe nun dové ‘gni giorno fà li conti,

co ‘sto magone che sa un po’ de lutto,

che nun regala gnente e mai fa sconti …

***

…. tocca da dà a ‘gni minuto er tutto

che ciài ner còre e quanno che l’affronti

dà in fretta er fritto e, senza un fratto, er frutto.

***

Stefano Agostino

______________________

***