Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio 5th, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Gennaio 2019

Epifania

Epifania

***

Epifania, ch’è manisfestazzione,

pe un Dio che assume la nostra natura,

inzieme a la divina, e che matura

man mano che je viè ‘sta percezzione …

***

… de èsse Cristo, Lui, e de com’è dura

ner mentre se fa Omo, la Missione

a cui Dio Padre, pe Sua Vocazzione,

l’ha arichiamato tra la gente impura.

***

Epifania, così, tra li pastori,

e tra li Maggi, ar chiaro de ‘na stella,

poi a tutto er monno, quann’è ito fòri.

***

Portà a chiunque la Bona Novella,

spèce si a pubbricani e peccatori,

pe la sarvezza e che tutti affratella.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

La Befana viè de notte

La Befana viè de notte

***

Se sa che la Befana viè de notte,

er sei gennaio e porta ar regazzino,

‘na carza che poi appenne sur camino,

volanno via su scopa, a cioce rotte.

***

E quello che ce mette in quer carzino,

nun viè da scerte impari o corotte:

lei dà er carbone a chi merita bòtte,

p’er bimbo bono, invece, cià er dorcino.

***

Usanza de noantri è la Befana,

che artrimenti è detta Epifania,

co quer cappello, giusto, a la romana.

***

Ma un fonnamento c’è ne la maggìa:

li tre Re Maggi sò vita cristiana,

Babbo Natale è tutta fantasia. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***