Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 19 Gennaio, 2019

La Roma in rima,Stagione 2018-19

19 Gennaio 2019

Roma – Torino

Roma – Torino: 3-2

***

Se pijano tre punti tutti ar volo,

dopo ‘na gara ch’è tutta arternanza,

du’ vorte sopra, poi ‘na titubbanza

e un artro po’ te fai male da solo.

***

Pe spiegà mejo s’apre co la danza

su quer pallone fatta da Zaniolo,

è uno a zero, tutto co un assolo

de un giocatore che ‘gni vorta avanza.

***

Er due è go’ de Kolarov, rigore,

poi ner seconno tempo ‘sto Torino

accorcia e patta e stava a dà un dolore.

***

Ma nun se esce mica a capo chino

co El Shaarawy che riavvia er motore,

e hai visto mai che sia, pure er destino.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Er lamentoso

er lamentoso

Er lamentoso

***

Da quanno ch’eri in fasce te lamenti,

ma mentre si s’è pupi tutto vale,

mó che sei granne e grosso, ma è normale

che ancora ciài l’istessi atteggiamenti?

***

E nun ce sta ‘na vorta, eccezzionale,

lo dico a te, hai visto mai ce senti,

in cui nun frigni e sbraiti e te tormenti,

pe quarche cosa che t’è ita male.

***

Così ‘gni giorno co ‘sta cantilena,

succede tutto a te, come ‘na conta,

che tocca sempre a te sartà la cena.

***

Ma, penza, nun c’è giorno che tramonta,

che nun dispenza a tutti quarche pena

e vince chi nun piagne, ma l’affronta.

***

Stefano Agostino

_______________________

***