Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 3rd, 2019

La Roma in rima,Stagione 2018-19

3 Febbraio 2019

Roma – Milan

Roma – Milan: 1-1

***

Finisce co ‘sto pari, uno a uno,

che lassa tutto quanto come prima,

sia ner punteggio e sia in de la stima,

senza poi avvantagià manco nessuno.

ééé

Pe questo nun s’esurta co ‘sta rima,

ce s’aspettava certo che quarcuno

giocasse co la tigna che ciascuno

ha perzo come che a Firenze in cima.

***

S’è visto un po’ de gioco e movimento,

de tiri in porta e gocce de sudore,

guasi a mostrà er novo intennimento …

***

… de stà a giocà ‘gni gara e ‘gni battaja,

mettenno in campo l’infinito amore,

che cià chi tifa e vive pe ‘sta maja.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

***

Gesù, tornato a Nazaret, parlava

der Regno e de Divini inzegnamenti,

tutta la gente a dì: “Ma senti, senti …

nun è quer fìo ch’è nato qui e qui stava?”

***

Da ‘ndó je vengheno ‘sti intennimenti

e ‘sta sapienza? Prima lavorava

cor padre suo Giuseppe eppoi contava

Maria pe madre e tanti pe parenti?”

***

Gesù vedenno quela poca Fede,

disse: “Nessun profeta in casa sua,

viè rispettato e qua nun Me se crede!”

***

Così che disse co malinconia:

“Che triste l’èsse estraneo in patria tua”,

e detto fatto se n’è ito via.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***