Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Aprile, 2019

I sonetti romani,Romanamente

30 Aprile 2019

Amicizzia tradita

Amicizzia tradita

***

Quanno ch’er tradimento è de un amore,

ce pòi stà male, ma lo metti in conto,

de certo nun fai zompi e nun sei pronto,

ma nun c’è rosa senza spina ar còre.

***

Er danno che te fa, che nun cià sconto,

pe come che ce soffri e p’er dolore,

è quanno ch’è un amico er traditore,

lì nun c’è male che aregge er confronto.

***

Più de ‘na cortellata a le tue spalle,

peggio de un carcio quanno ch’è assestato,

co forza, ar centro esatto de le palle.

***

Avoja a dì scordamose er passato

nun ce penzamo più … o ancora balle …

gnente sarà più come quer ch’è stato.

 ***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Aprile 2019

‘Na pentolaccia piena de facioli

’Na pentolaccia piena de facioli

***

Stai sempre a lamentatte pe ’gni cosa,

’na pentolaccia piena de facioli,

te fai venì così li fantioli,

nun c’è ‘na cosa che tu vedi rosa.

***

Te vai a cercà da te li cetrioli

che cascheno in saccoccia a secchi e a iosa,

più a te che a l’ortolano de famosa

battuta popolare de ’sti sòli.

***

Nun te sta bene gnente de ’sto monno

ciài da ridì su tutto dar matino,

quanno te sveji, a sera avanti er sonno.

***

E nun ce penzi a chi te sta vicino

che mentre tu protesti a ’gni seconno

cià già du’ palle a sfere da indovino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Aprile 2019

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

**

Gesù Risorto apparve quela sera,

a loro, li discepoli anniscosti,

je disse: “Pace a voi. Li vostri posti,

sò ar monno a divurgà la Vita Vera.

 ***

Ché lo Spirito Santo v’ha disposti

a perdonà peccati e a dà a chi spera,

Amore e pace a la Mia magnera,

mó annate senza che gnente ve sosti”.

 ***

In quela sera nun c’era Tommaso,

quanno venne a sapé de tutto er fatto,

disse: “Io nun ce credo, manco a naso.

 ***

Si nun lo vedo e nun lo tocco ar tatto,

de tutto questo nun so’ perzuaso”,

Così Gesù lo fece soddisfatto.

***

Tornò che c’era lui e nun a caso,

je disse: “Metti er dito e cor contatto

su le ferite, tocca raso raso”.

***

Tommaso lo sfiorò e disse de un tratto:

“Sei Tu Signore, credo e in Te me baso”,

Gesù arispose: “Credi. E no a contratto”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

27 Aprile 2019

Roma – Cagliari

Roma – Cagliari: 3-0

***

Se vince ancora e lo se fa in sciortezza,

co ‘sto tre a zero che. si va a memoria,

è solo a dì che nun c’è stata storia,

‘na squadra sola, l’artra nun s’apprezza.

***

Fazio fa er primo, testa perentoria,

er due è de Pastore, che bellezza,

s’è visto finarmente co destrezza,

giocà come a li tempi de la gloria.

***

Er terzo go’ è de Kolarov che segna

come nun ha centrato mai in cariera,

de chi dà sempre er fritto e ce se ‘mpegna.

***

Toccava vince e pià la posta intera

e stà a vedé poi l’artre a l’inzegna,

speranno che quarch’artro se dispera.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Aldo Fabrizi – Spaghetti ar primo sole

Spaghetti ar primo sole

***

Doppo ‘na festa, caciarona e sciarba,

fatta de zompi, battimani e fischi,

sostanno a le fontane e a l’obbelischi,

un po’ alegrotti, rincasamo a l’arba.

***

Dico: “Però, ‘sti cotijò, che barba.

Quant’era mejo qui cor magnadischi.

A proposito. Fórze è stato er “vischi”,

volemo fà ‘na cosa che ce aggarba?”

***

– “Sarebbe” – “Du’ avvorgibbili, a la lesta”,

– “La pasta a ‘st’ora? Pe l’amor de Dio,

L’ho sempre detto che sei scemo in testa”.

***

– “Vabbé, so’ scemo. E tu, si quann’è fatta

nun la gradisci”, – “Eh, no, tesoro mio,

si tu sei scemo, mica io so’ matta!”

***

Aldo Fabrizi

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 Aprile 2019

Pennichelle pomeridiane

Pennichelle pomeridiane

***

In genere, nun amo er dopo pranzo,

so’ allodola, così me svejo presto,

ar pomeriggio è troppo che so’ desto,

me scatta la cecagna in disavanzo.

***

“Er pomeriggio è lungo” … poi, der resto,

così quanno che magno e che m’appanzo

si trovo un letto, me ce sparapanzo,

m’appennico e me canticchio er testo.

***

Ma quanno che lavoro cambia tutto,

meno che l’occhio, apparpebbrato stesso,

ché solo pe riaprillo so’ distrutto.

***

E m’aritrovo ar centro de un conzesso,

co tutti che me guardeno de brutto,

che m’annisconnerebbe indentr’ar cesso…

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Aprile 2019

25 aprile

25 aprile

***

Giornata de memoria, ortre la festa,

’ndò s’aricorda la Libberazzione,

da quel’infame e lorda occupazzione,

de quer reggime che chinò la testa.

 ***

Pe chi nun cià coscènza d’oppressione,

d’assurdità e violenza manifesta,

er venticinque aprile pe lui resta

sortanto un giorno in cui pò fà er portrone.

 ***

’Gni dittatura, dar nazzismo a Mao,

se porta dentro a sé l’erbaccia inzana

er soffocà ‘gni libbertà e ’gni Tao.

 ***

Grazzie perciò a l’armata americana,

a chi cià libberato e ar “bella ciao”

de la curtura e lotta partiggiana.

**

Stefano Agostino

_______________________

***