Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Maggio, 2019

I sonetti romani,Romanamente

31 Maggio 2019

Cambià la posizzione a ‘na parola …

Cambià la posizzione a ‘na parola

***

Cambià la posizzione a ‘na parola,

seconno de la frase e der contesto,

a vorte farza er senzo a tutto er resto,

e dico ‘na parola, una sola.

***

Stravorge er contenuto ortre ch’er testo,

come sonà “Chopin” a ‘na pianola,

come dipigne er rosso e fàllo viola,

  come dì SI’ o NO, invertenno er gesto.

***

Si vòi ‘na prova, te la do, si posso,

che nun sto a dì frescaccia da disprezzo,

ma cosa da segnà a bollino rosso.

***

Basta invertì ‘na frase in fonno o ar mezzo:

un conto è dì a quarcuno “pezzo grosso”,

un artro è dije invece  “grosso pezzo…”

***

Stefano Agostino

______________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

30 Maggio 2019

30 maggio 1994

30 maggio 1994

**

Me pare ieri quanno ch’è successo,

quer trenta maggio che sei ito in cèlo,

mó che ce penzo, triste, me raggelo,

guasi come quer giorno fusse adesso.

***

Quanno che ar fiore j’hai torto lo stelo,

ché a sopravvive nun era l’istesso,

de piagne Roma intera nun ha smesso,

chiudennose anniscosta addietro a un velo.

***

Ma li ricordi m’apreno er cassetto

e nun li tocca mica quer destino,

infame, zozzo e ladro che t’ha detto.

***

Io in curva ch’ero solo un regazzino,

tu capitano de quelo scudetto,

noi tutti in coro a urlà: OH AGOSTINO.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Maggio 2019

L’Amore vero

L’Amore vero

***

L’Amore vero nun è un sentimento,

che nasce, cresce, s’appassisce e mòre,

legato ar tempo effimero der còre,

che oggi sta de qua … domani ar vento.

***

L’Amore vero, nun a caso “Amore”,

è quello eterno che nun cià un momento,

che abbraccica ner più compiacimento

‘gni tratto de l’amato e dà calore.

***

È quello che dà vita e senzo ar monno,

nun se conzuma e s’arinforza ancora,

quanno ch’è condiviso fino in fonno.

***

Nun carcola, nun teme, nun scolora,

l’Amore vero ariva in der profonno,

che pò sapé solo chi se ‘nnamora.

***

Stefano Agostino

________________________

***

La Roma in rima

28 Maggio 2019

L’urtima bandiera

L’urtima bandiera

***

Co Te s’ammaina l’urtima bandiera,

er carcio, ch’era er mejo sport ar monno,

tarmente ch’è cambiato in der profonno,

che tutto passa er tempo de ‘na sera.

***

Scarzato in un quarto de seconno,

da voja de fà sòrdi e cambià cera,

tanto che chi è così, vecchia magnera,

cià da finì a l’obblio peggio der sonno.

***

Così ce s’ariduce a èsse azzienda,

se penza solo e sempre a fà lo stadio,

nun ce sò più bandiere, né leggenda.

***

Ma solo marchio, sponsor, tv e radio,

e er sentimento ch’è cosa “delenda”,

va a l’urtimo cassetto de l’armadio.

***

Stefano Agostino

***

 

La Roma in rima,Stagione 2018-19

26 Maggio 2019

Roma – Parma

Roma – Parma: 2-1

***

La Roma batte er Parma, due a uno,

co go’ de Pellegrini e de Perotti,

er resto è lacrimoni ininterotti,

pe DDR che va via da ‘gnuno.

***

Perché è un pezzo de Roma a pagà scotti,

de scerte societarie da nessuno,

ché co stasera ce va via a ciascuno,

senza capì er motivo de ‘sti botti.

***

Grazzie de tutto, e mentre apri le vele,

ce lassi co le bocche unite in canto,

co un’amarezza che pare più fiele.

***

Si de ‘na cosa ciavemo rimpianto,

è nun avé tifato te, Daniele,

mai abbastanza, armeno tanto quanto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: ve mannerò un Conzolatore

Dar Vangelo der giorno:

“ve mannerò un Conzolatore”

***

“Me vòi amà? Osserva ‘sta Parola,

e er Padre mio te amerà pe questo,

e Io cor Padre anneremo presto

a pià dimora in te e a datte scòla.

***

Ve do la Pace, ma no co quer gesto,

co cui la dà er monno che ve sòla,

la Pace che do Io è una sola,

che viè da Dio e serve a tutto er resto.

***

Er Padre, quanno lasserò ‘sto monno,

Lui mannerà quaggiù er Conzolatore,

che nun ve lassi soli mai un seconno.

***

Ve dico questo perchè so’ er Signore,

e Me crediate adesso fino in fonno,

quanno che Me trafiggeranno er còre.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

 

 

I sonetti romani

25 Maggio 2019

Benvenuto Flavio

Benvenuto Flavio

***

Pe ben du’ vorte in un mese sortanto,

so’ diventato doppiamente zio,

de Marta eppoi de Flavio …grazzie Dio,

pe un’artra vita ar monno a daje incanto.

***

E co ‘sto nome granne, dico io,

che sa de Colosseo e der suo vanto,

anfiteatro, appunto, a fà l’impianto

famoso in tutto er monno, Flavio mio.

***

Li comprimenti pe li genitori,

pe la scerta der nome così in vena

de la romanità da imperatori.

***

Pe te, o Flavio, sia ‘na vita piena,

de cose belle e de li mejo amori,

come la sorellina tua, Serena. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***