Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Giugno 2019

Dar Vangelo der giorno: “seguì Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “seguì Gesù”

***

Pe annà a Gerusalemme era in cammino,

un tale lo fermò e je disse certo:

“Te seguirò pe ‘ndó annerai”, ma sverto

Gesù arispose a quello lì vicino …

***

… che Lui viveva sempre a cèlo aperto,

“Er Fìo de l’Omo, cui seguì er destino,

nun cià ‘ndó mette manco er capo chino”

l’artro nun repricò … ma nun fu scerto.

***

A un artro disse: “Seguime”, ma quello:

“Ciò prima qua da seppellì li morti”,

Gesù arispose: “Lassa stà ‘gni avello.

***

Ché chi Me cerca de seguì p’er Regno,

ma poi molla l’aratro e a passi corti,

se vorge indietro  … der Cèl nun è degno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Giugno 2019

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro in fonno a l’Appia, fòri porta,

stava a scappà quer giorno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndò vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resti ’ndò stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

lì ar Santuario de le Tre Fontane,

ch’er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

Guasi a scusasse pe ’st’esecuzzioni,

de tutt’e due a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

28 Giugno 2019

La “pipinara”

La “pipinara”

***

A Roma pe indicà che c’è caciara,

spesso se usa dì un’artra parola,

ch’ha un artro senzo si presa da sola,

ovverosia se dice “pipinara”.

***

La pipinara vale pe la scòla,

ma anche in de ‘gni situazzione chiara,

in cui li pupi fanno la “cagnara”

che poi è caciara … detto più de gola.

***

Inzomma pipinara è pe bimbetti,

ma esteso rènne idea de un gran concentro

de ommini ammucchiati, stretti stretti.

***

Quanno che “folla” ce sta poco dentro,

e “gente” è troppo da cacazzibbetti,

si dici “pipinara” hai fatto centro.

***

Stefano Agostino

_________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 Giugno 2019

Giusto lucifero se pò chiamà

Giusto lucifero se pò chiamà

 ***

Cor nome dato ar diavolo sortanto,

potevano indicà ‘st’anciclone,

lucifero, minuscolo in raggione

der fatto che nun merita arcun vanto.

***

Temperature fòri de staggione,

co l’afa, che si tanto me dà tanto,

è solo un’elisione e dico quanto

de AFA…NCULO a l’arta pressione.

***

Er primo che dovesse fà un lamento,

quanno sarà de pioggia, freddo o ghiaccio,

de inverno, gelo, grandine e lo sento …

***

… pìo la rincorza, tutto quanto er braccio,

e je parcheggio in faccia anche contento,

‘sta mano … ché un autografo je faccio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 Giugno 2019

26 giugno … er mezzo anno in più

 

**

26 giugno … er mezzo anno in più

***

Er ventisei de giugno è er giorno esatto,

in cui carico un “mezzo” in più a l’anno,

intenno dì er mezzo compreanno,

dar ventisei dicembre che m’ha estratto.

***

Nun è pe festeggià che io ce rimanno,

ma è pe conteggio che rimarco er fatto,

co ‘sto semestre in più … e un artro scatto

de vita che me passa via cantanno.

***

Me serve tené in conto de ‘sta data,

pe analizzà un po’ mejo l’anno in corzo,

si quarche cosa a oggi l’ho anellata.

***

È un modo mio pe arimedià a soccorzo

e raddrizzà la via si s’è piegata,

ciò artri sei mesi de ‘st’età ch’è un morzo.

***

Stefano Agostino

____________________

***

La Roma in rima

25 Giugno 2019

Fonseca a Trigoria

Fonseca a Trigoria

***

Paulo Fonseca, ch’è arivato a Roma,

è ito a fà un ber giro pe Trigoria,

come, che so, pe respirà la storia,

de ‘sta sua nova squadra da la chioma.

***

Pe dà quarcosa da mannà in memoria,

su chi cià da allenà co ‘sto diproma,

fasse un’idea, puranche de l’idioma,

e comincià la strada pe la gloria.

***

Solo che qui è arivato in pieno giugno,

così nun ha trovato manco uno,

co cui stà a confrontasse, grugno a grugno. 

***

Avrà penzato … è tempo ormai de ferie,

senza sapé che qui nun c’è nessuno

perché Pallotta l’ha vennuti in serie.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Giugno 2019

San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

***

È stato, com’è noto, er Precurzore,

sin quanno ch’esurtò ner grembo incerto

de mamma Elisabbetta, e poi ar deserto,

lui de Gesù, er nostro Sarvatore.

***

Giovanni fu er Battista, da Dio scerto,

pe preparà l’arivo der Signore,

pe convertì le genti e co fervore,

le battezzava in acqua, a còre aperto.

***

Pe corpa de ‘na tresca tra er Re Erode

e la cognata, moje der fratello,

che lui più vorte denunciò, da prode, …

***

… morì decapitato, co un tranello

pe un ballo e ‘na promessa co la frode,

e rese gloria a Dio e a Suo Fìo, l’Agnello. 

***

Stefano Agostino

__________________________

***