Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

28 Giugno 2019

La “pipinara”

La “pipinara”

***

A Roma pe indicà che c’è caciara,

spesso se usa dì un’artra parola,

ch’ha un artro senzo si presa da sola,

ovverosia se dice “pipinara”.

***

La pipinara vale pe la scòla,

ma anche in de ‘gni situazzione chiara,

in cui li pupi fanno la “cagnara”

che poi è caciara … detto più de gola.

***

Inzomma pipinara è pe bimbetti,

ma esteso rènne idea de un gran concentro

de ommini ammucchiati, stretti stretti.

***

Quanno che “folla” ce sta poco dentro,

e “gente” è troppo da cacazzibbetti,

si dici “pipinara” hai fatto centro.

***

Stefano Agostino

_________________

***

  1. A Roma pe indicà che c’è caciara,
    spesso se usa dì un’artra parola,
    ch’ha un artro senzo si presa da sola,
    ovverosia se dice “pipinara”. …

    Comment di Stefano — 28 Giugno 2019 @ 05:19
  2. Pipinara, caciara, cagnara = termini “molto romani” per indicare folla di gente rumorosa e molesta

    Comment di Silvio — 28 Giugno 2019 @ 08:33
  3. Bello ‘sto sonetto! “pipinara” una parola che non sentivo da decenni, l’avevo pure dimenticata! Al mare oggi sarà veramente una grande pipinara!
    Buona giornata.

    Comment di letizia — 28 Giugno 2019 @ 14:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>