Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Maggio 5th, 2019

La Roma in rima,Stagione 2018-19

5 Maggio 2019

Genoa – Roma

Genoa – Roma: 1-1

***

Finisce co un pareggio, uno a uno,

ch’è un risurtato poco entusiasmante,

c’era da vince, pe tené costante

la lotta ar quarto posto co ciascuno.

***

Ma c’è ‘na cosa ancora incoraggiante,

motivo a dà speranza, sarvognuno,

ch’è sempre mejo, certo, de nessuno,

ch’è quer rigore che para Mirante.

***

Così che nun hai perzo la partita,

hai preso un punto che a la fine conta

e pòi tené quela fiammella in vita.

***

C’è da vincele tutte, nun se sconta,

più nun se pò sbajà, sinnò è finita,

ma ancora se pò crede a la rimonta.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “la pesca miracolosa”

 

Dar Vangelo der giorno: “la pesca miracolosa”

 ***

Dopo ’na notte in barca, senza un pesce,

quanno che fu matino er giorno appresso,

venne Gesù e disse: “Pietro, adesso,

prova a gettà le reti, vedi ch’esce?”

***

Pietro fece così, ma era perplesso,

poi c’è mancato poco che nun riesce

a sollevà ’gni rete che già cresce

p’er pesce preso, tanto era in eccesso.

***

Levò li pesci da le reti piene

e li contò: “centocinquantatré”,

quanno che s’ormeggiò co le gomene.

***

Gesù a quer punto lì je fece: “A Pie’,

pascia ’ste pecore, si me vòi bene!”

E je lo chiese pe tre vorte tre.

***

Pe aricordaje de ben artre scene,

quanno fu Pietro a dì tre vorte: “Embè?

Nun lo conosco” … pe evità catene.

***

Stefano Agostino

__________________________

***