Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Maggio 12th, 2019

La Roma in rima,Stagione 2018-19

12 Maggio 2019

Roma – Juventus

Roma – Juventus: 2-0

***

Come che finirà ‘sto campionato,

conta de certo, ma pe adesso poco,

quello che importa, e manco pressappoco,

e avé battuto er gobbo patentato.

***

Ché vince contro questi anche ner gioco

è certo tutto tranne che scontato,

invece parla chiaro er risurtato,

due a zero … tutti a casa o in artro loco.

***

La Roma soffre un tempo, poi ar seconno

vié fòri e vince bene la partita

co ‘sto punteggio ch’è bello rotonno.

***

Florenzi e Dzeko a segnà le dita,

che pe ‘na sera fa stà in cima ar monno,

batte la juve dà gioia infinita.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

***

Gesù poi je parlò de pecorelle,

che passeno la porta der recinto,

ne l’ascortà la voce che l’istinto

je fa conosce a tutte quante quelle.

***

La voce der pastore, er quale ha spinto

de fòri a pasce er gregge, mai ribbelle,

ché sa chi è e che da artre favelle,

nun viè mai commannato e manco avvinto.

***

Poi spiegò tutto a chi nun lo comprese:

Gesù è la porta ar gregge e quer pastore,

le pecore sò er popolo che attese …

***

… e nun seguì er richiamo truffatore

de ladri e de briganti, ma che intese

la voce de Sarvezza der Signore.

***

Stefano Agostino

________________________________

***